Me

Gli Stati Uniti hanno un piano per portare la pace in Medio Oriente. Ma Palestina e Israele lo bocciano

Immagine di copertina
Credit: Majdi Fathi/NurPhoto

patto del secolo usa palestina – L’annuncio, neanche troppo sorprendente, è degli Stati Uniti: cinquanta miliardi di dollari di investimenti nei territori palestinesi lungo la Striscia di Gaza e la Cisgiordania per portare la pace in Medio Oriente. Un piano, varato dal genero e consigliere personale di Donald Trump Jared Kushner, che già nel nome suggerisce i piani degli Usa oltreoceano: Patto del Secolo (Deal of the Century).

È stato presentato il 25 e il 26 giugno a Manama, in Bahrein, nel corso di una conferenza economica che ha visto la presenza dei rappresentanti di numerosi stati arabi, degli Usa e di Israele. Assenti, invece, i delegati dell’Autorità Palestinese.

Secondo il suo ideatore, il genero di Donald Trump Jared Kushner, il piano decennale pensato dalla Casa Bianca prevede finanziamenti per 27,5 miliardi di dollari in Cisgiordania (West Bank) e a Gaza, e rispettivamente 9,1 miliardi per l’Egitto, 7,4 miliardi per la Giordania e 6,3 per il Libano. Tutti paesi che ospitano comunità palestinesi.

Stando a quanto si legge nel documento redatto da Washington, le risorse saranno erogate da una “banca multinazionale per lo sviluppo” e verranno controllate da un comitato esecutivo appositamente nominato. I 50 miliardi di dollari di finanziamenti arriveranno da un mix di sussidi, prestiti e investimenti privati. E saranno usati per intervenire nei settori delle telecomunicazioni, del turismo e della sanità.

patto del secolo usa palestina – Analisti internazionali hanno commentato il progetto dell’amministrazione Trump, evidenziandone i limiti. Secondo il Washington Post, il Deal of the Century rappresenta tutto quello che finora non ha funzionato nelle politiche che gli Stati Uniti hanno adottato in Medio Oriente. In primo luogo, il Patto del Secolo non specifica una questione pratica: non chiarisce da dove arriveranno i soldi.

In secondo luogo, prosegue il quotidiano, nel documento di 96 pagine redatto dalla Casa Bianca non si fa alcun riferimento a una risoluzione politica dei conflitti tra le parti. Come osserva la giornalista Claire Parker, “in assenza di un accordo politico reciprocamente soddisfacente tra israeliani e palestinesi” non sarà possibile risolvere il conflitto. Lo insegna la storia delle relazioni tra gli Usa e l’Autorità Palestinese.

In questo senso, quello che il Patto del Secolo dimentica di affrontare è proprio la questione chiave dello stato palestinese e della fine dell’occupazione israeliana, le due richieste fondamentali mai riconosciute dalle amministrazioni americane degli ultimi trent’anni.

Non è un caso che i funzionari palestinesi abbian scelto di boicottare l’iniziativa a Manama e che abbiano respinto in blocco ogni discorso sugli aiuti economici che non includa anche una soluzione politica significativa. Una tesi confermata dal membro dell’Olp Hanan Ashrawi, che ha sottolineato come “solo una soluzione politica può porre fine al conflitto” con Israele.

E una bocciatura è arrivata anche dal governo israeliano. “Il corridoio tra la striscia di Gaza e la Cisgiordania è irrilevante fino a quando Hamas continuerà la sua politica del terrore al fianco dell’Iran”, ha detto un membro del governo vicino a Netanyahu.