Me

Salvini amatissimo non solo in Italia: in un altro paese (a sorpresa) è il leader più popolare

Immagine di copertina
Il vice premier e ministro dell'Interno Matteo Salvini ANSA/GIUSEPPE LAMI

Sondaggi politici 21 giugno 2019 | Leader | Matteo Salvini | Marine Le Pen 

Sondaggi politici 21 giugno – Un risultato d’oltralpe totalmente inaspettato: dei tre leader politici italiani al governo, il vicepremier Matteo Salvini è il preferito in Francia. È questa impressione avvertita sempre più forte negli ultimi mesi è confermata da un ricerca Ipsos realizzata dal 5 al 13 giugno con il contributo di EDF e Edison e la supervisione del politologo Marc Lazar.

Sondaggi politici 21 giugno | Salvini in Francia

Dei tre leader politici italiani al governo, il vicepremier leghista è infatti il preferito in Francia con il 19 per cento di opinioni positive, molto inferiori però a quelle negative che arrivano al 42 per cento. Il premier Giuseppe Conte si ferma al 18 per cento di apprezzamento e l’altro vicepremier Luigi Di Maio al 15 per cento, ma per entrambi conta soprattutto il fatto che, a differenza di quel che accade per Salvini, la maggioranza dei francesi dice di “non saperne abbastanza per pronunciarsi”. In pratica i francesi ignorano l’operato di Conte e Di Maio.

Secondo gli autori della ricerca, “la capacità di Matteo Salvini di suscitare l’adesione di una parte importante di italiani attorno a sé e al suo programma spiega senza dubbio almeno in parte l’ostilità crescente dell’opinione pubblica italiana verso la Francia”.

Sondaggi politici 21 giugno | Marine Le Pen in Italia

Quanto allo sguardo degli italiani verso la Francia, invece, la personalità politica francese più popolare nella penisola è Marine Le Pen con il 30 per cento, davanti al presidente della Repubblica Emmanuel Macron che si ferma al 20 per cento. Non è una sorpresa: il politico più popolare tra gli italiani è Matteo Salvini (48 per cento di opinioni positive, che in Europa è il principale alleato della leader del Rassemblement National.

Sondaggi politici 21 giugno | Le relazioni franco-italiane

Il sondaggio è stato condotto in generale sulle relazioni franco-italiane, che sono state sempre rappresentate come una solida amicizia. A parte qualche rottura diplomatica qua e là, i francesi continuano a stimare l’Italia e gli italiani senza essere neanche troppo ricambiati.

È stato scelto per il sondaggio un campione rappresentativo di mille francesi e mille italiani sopra i 18 anni, indica che nonostante la crisi diplomatica dei mesi scorsi tra Parigi e Roma l’immagine che i francesi hanno di noi resta relativamente positiva: il 61 per cento ha una buona opinione dell’Italia.

Peggio della Svezia (93 per cento ), della Germania (81 per cento ) e della Spagna (80 per cento ), ma a pari merito con la Gran Bretagna e molto meglio della Grecia (51 per cento ), della Polonia (41 per cento ) e in particolare della Romania. Quasi due terzi dei francesi (64 per cento) dicono di provare simpatia per gli italiani, mentre gli ostili sono una percentuali pressoché insignificante (6 per cento ).

In generale gli italiani hanno della Francia un’immagine più negativa di quella che i francesi hanno di noi. Solo il 53 per cento degli italiani ha una buona opinione della Francia, mentre i Paesi più apprezzati sono la Svezia (89 per cento ), la Spagna (81 per cento ), la Gran Bretagna (74 per cento ) e la Germania (70 per cento ).

Un altro dato interessante è la polarizzazione dello sguardo italiano verso la Francia a seconda delle opinioni politiche: gli elettori del Partito democratico provano simpatia (36 per cento ) più che antipatia (18 per cento ) verso la Francia, ma le proporzioni si ribaltano mano a mano che si passa al Movimento Cinque Stelle, a Forza Italia e soprattutto alla Lega.

> Salvini a Milano, il discorso di Marine Le Pen: “Rivoluzione pacifica e democratica, risveglio dei nostri popoli”