Me

Elezioni presidenziali Usa 2020: tutti i candidati alle primarie

Immagine di copertina
Donald Trump

Elezioni Usa 2020 | Trump | Presidenziali Usa 2020 | Primarie democratiche | Primarie repubblicane

Elezioni Usa 2020 – Il 3 Novembre 2020 si terranno le elezioni presidenziali negli Stati Uniti per scegliere il successore dell’attuale inquilino della Casa Bianca, Donald Trump, che potrebbe comunque essere rieletto per un secondo mandato.

Trump sarà il protagonista indiscusso nel bene e nel male, perché queste elezioni sono un verdetto sulla sua prima presidenza.

Elezioni Usa 2020 | I partiti

Negli Usa ci sono due grandi partiti: i Repubblicani e i Democratici, che in vista delle elezioni dovranno scegliere il proprio candidato per le presidenziali attraverso primarie interne.

Le primarie dei Democratici e dei Repubblicani vengono gestite in maniera autonoma in ognuno dei 50 stati Usa, ma il meccanismo ha sempre lo stesso risultato ovvero portare all’elezione di un numero di delegati per ogni stato, in numero proporzionale alla popolazione e all’influenza politica. Ciascun delegato sostiene un candidato durante le convention dei rispettivi partiti, scegliendo così il candidato alla Casa Bianca.

Le convention si tengono nel periodo tra le primarie e le elezioni, generalmente nell’estate precedente alle elezioni.

Il candidato più votato di ciascun partito si sfiderà con i candidati degli altri partiti.

Elezioni Usa 2020 | I candidati repubblicani

Donald Trump – Quarantacinquesimo presidente degli States, ha ufficialmente aperto la campagna elettorale per le elezioni 2020 il 19 giugno 2019. Il suo principale risultato legislativo in qualità di presidente è stato una radicale riduzione delle tasse che ha beneficiato principalmente di società e investitori facoltosi.

Trump si è concentrato sullo scioglimento delle politiche dell’amministrazione Obama, incluse assistenza sanitaria, regolamentazione ambientale e immigrazione. Trump sta affrontando molteplici e serie indagini giudiziarie, sull’orlo di un impeachment, sebbene il recente rapporto di Robert S. Mueller III, il consulente speciale, non abbia trovato prove sufficienti per inchiodare Trump a causa del Russiagate.

William Weld – Si è presentato come vice presidente del partito libertario nel 2016. Weld vuole diventare la voce per moderati alienati e conservatori tradizionali. È emerso come esponente critico di Mr. Trump durante le elezioni del 2016. I cavalli di battaglia di Weld sono il contenimento fiscale, il libero scambio e una riforma moderata dell’immigrazione; ha approvato misure per legalizzare la marijuana.

Elezioni Usa 2020 | I candidati democratici

Elezioni Usa 2020 – Più di 20 candidati democratici – dall’ex vicepresidente Joe Biden al candidato insurgente del 2016 Bernie Sanders – hanno annunciato le loro intenzioni di candidarsi per la nomination, creando un campo affollato con un numero record di contendenti donne. Solo un candidato ne uscirà vincitore, anche se la corsa potrebbe essere complicata dall’ingresso di un candidato di terze parti.

Bernie Sanders – Bernie Sanders, il senatore del Vermont che alle primarie del suo partito per le elezioni del 2016 era stato battuto da Hillary Clinton, ha presentato la sua candidatura per il 2020 a febbraio. A convincerlo sembra siano stati i risultati di alcuni sondaggi che danno il senatore del Vermont come il politico più popolare nel paese. In particolare, sembra poter contare sul sostengo degli afroamericani e dei latinoamericani, due gruppi che alle elezioni del 2016 non hanno dato il loro appoggio a Sanders.

Bill de Blasio – Il 16 maggio il sindaco di New York ha annunciato la sua candidatura alle primarie del partito Democratico. “È arrivato il momento di mettere i lavoratori al primo posto. Il presidente Donald Trump deve essere fermato”, ha afferamato il primo cittadino. “Sono un newyorkese, conosco Trump da molto tempo”, ha aggiunto il primo cittadino. “So come prenderlo.”

Joe Biden – Joe Biden, vice dell’allora presidente Obama, ha annunciato la sua candidatura lo scorso 25 aprile 2019. Joe Biden vola nei sondaggi. Secondo l’ultima rilevazione della Cnn, la prima dall’annuncio della sua candidatura, raccoglie il 39 per cento delle preferenze, staccando di oltre 20 punti l’avversario più diretto, il senatore Bernie Sanders fermo al 15 per cento, e di circa 30 punti la senatrice Elizabeth Warren (8 per cento). Tra gli outsider Pete Buttigieg (7 per cento) fa meglio del texano Beto O’Rourke (6 per cento) e della senatrice Kamala Harris (5 per cento). Biden è stato vice di Obama dal 2009 al 2017. È stato senatore del Delaware dal 1973 al 2009.

Elizabeth Warren – La prima a presentare la propria candidatura per i Democratici è stata la senatrice del Massachusetts Elizabeth Warren: punta ad essere la prima donna eletta alla Casa Bianca dopo la sconfitta di Hillary Clinton nel 2016. La senatrice è un’esponente di spicco dei Democratici, nota in particolare per le sue battaglie in difesa dei consumatori e delle classi più deboli e contro gli abusi della finanza e di Wall Street.

Pete Buttigieg – Pete Buttigieg ha 37 anni e ha iniziato la sua carriera politica come sindaco della sua città natale, South Bend, nello stato dell’Indiana. Se fosse eletto sarebbe non solo il più giovane presidente della storia degli Stati Uniti, ma anche il primo apertamente omosessuale. Quando ha annunciato la sua candidatura ben pochi sapevano chi fosse, ma gli sono bastate poche settimane per diventare famoso: Buttigieg ha raccolto 7 milioni di dollari, ha scalato i sondaggi, raddoppiato il suo staff e aperto un nuovo quartier generale da cui gestire la sua campagna elettorale.

Beto O’Rourke – Robert Francis O’Rourke, meglio noto con il suo diminutivo spagnolo Beto, ha un passato da batterista in un gruppo punk-rock. La sua carriera politica è iniziata tra i seggi del consiglio municipale di El Paso dove fu eletto per la prima volta nel 2005. Dopo una fortunata carriera politica a livello locale, nel 2012 arriva il salto, con l’elezione alla Camera dei rappresentanti, dove fu riconfermato nel 2016. Il 14 marzo 2019 ha annunciato la sua candidatura alle primarie dem.

Michael Bennet – Un democratico moderato noto per la continua ricerca del compromesso. È meglio conosciuto per essere stato parte della cosiddetta Gang of Eight, un gruppo bipartisan che nel 2013 ha elaborato una legge completa sulla riforma dell’immigrazione. Bennet ha annunciato all’inizio di aprile che ha avuto il cancro alla prostata, ma da allora ha subito un intervento chirurgico che il suo staff ha definito “completamente riuscito”. Ha invitato a modernizzare l’economia in campi come l’intelligenza artificiale e l’aumento della spesa per le infrastrutture.

Cory Booker – Sarebbe uno degli oratori più dotati nel campo, correndo su una politica di sollevamento che potrebbe ricordare la campagna del presidente Obama del 2008. Gode ​​di una vasta base di raccolta fondi, grazie alle connessioni di lunga data con i donatori in tutto il paese. È stato uno dei leader del Senato sulla riforma della giustizia penale, ma il suo appello sarebbe molto probabilmente centrato sulla sua richiesta di unificare il paese.

Steve Bullock – Governatore democratico del Montana, dove Trump ha stra vinto. Conosciuto come un pragmatico che è stato in grado di ottenere il sostegno repubblicano per le priorità liberali. È diventato famoso per essere stato a favore di un divieto di armi d’assalto, nonostante supervisionasse uno stato che premiava la caccia. Si prevede che la riforma finanziaria delle aree rurali sia una sua priorità, insieme al contrasto alla disuguaglianza economica.

John Delaney – È stato eletto alla Camera nel 2012 come un “idealista pragmatico”, nel suo raccontare. Ha già visitato ogni contea dell’Iowa in vista del 2020, anche se non è chiaro se abbia migliorato le sue prospettive a lungo termine. Si è lanciato come un risolutore di problemi bipartisan, ma ha anche sostenuto cause liberali come l’assistenza sanitaria universale.

Julian Castro – A correre per la presidenza degli Stati Uniti anche l’ex sindaco di San Antonio (Texas) Julian Castro, di origini messicane: sua nonna è nata al confine fra Stati Uniti e Messico, nello stato di Coahuila ed è arrivata negli Stati Uniti nel 1922. “L’America sta andando indietro non avanti, i media sono gli amici della verità in questo paese”, è stato uno dei suoi messaggi quando ha presentato la sua candidatura.

Tulsi Gabbard – Tulsi Gabbard, 37 anni e originaria delle Samoa Americane, ha prestato servizio in Iraq e Kuwait. È la prima indù a essere stata eletta al Congresso e la prima deputata di origini samoane, oltre ad essere stata anche la prima donna reduce di guerra ad essere eletta deputata nel 2012.

Amy Klobuchar – La senatrice dem Amy Klobuchar, 59 anni, è un’avvocatessa e rappresenta il Minnesota dal 2007. È tra i candidati meno conosciuti ad essersi proposto per la corsa alla Casa Bianca del 2020.Kamala Harris – Kamala Harris è una ex ministra della Giustizia della California e giudice di distretto di San Francisco. È stata eletta al Senato con i democratici nel 2017 ed è la prima candidata afroamericana a correre per le presidenziali del 2020 nonché prima senatrice nera della California.

Kirsten Gillibrand – Una volta era un membro del Congresso di un distretto conservatore. Poi si è trasformata in una campionessa progressista contro il presidente Trump a Washington, diventando una delle principali voci liberali del Senato. Ha posto da lungo tempo l’eguaglianza e le opportunità delle donne al centro della sua agenda politica.

John Hickenlooper – Probabilmente si presenterà come qualcuno che può attirare sostegno da una vasta coalizione, anche se alcune delle sue vittorie hanno comportato un taglio degli affari con l’establishment repubblicano. Ha sottolineato il suo record di costruzione del consenso intorno a questioni come l’espansione di Medicaid, i diritti degli omosessuali e il controllo delle armi.

Elezioni Usa 2020 | I candidati democratici meno noti

Jay Inslee – Governatore noto per le sue politiche ambientali. È diventato uno dei difensori del clima più forti del partito, invitando i democratici ad abbracciare un programma di lavoro sull’energia verde. Ha fatto del clima un punto centrale della sua agenda come governatore e come personaggio nazionale, facendo campagne ampiamente nelle elezioni di medio termine sul messaggio di creare posti di lavoro nelle energie rinnovabili.

Wayne Messam – Primo sindaco nero a Miramar, in Florida. Ha preso posizioni progressiste su armi da fuoco, immigrazione e problemi ambientali. Americano di prima generazione nato da genitori giamaicani, spera di attingere alla comunità caraibico-americana per alimentare la sua offerta a lunga distanza. Ha proposto di cancellare più di 1.5 trilioni di dollari di debiti studenteschi dovuti da 44 milioni di americani.

Seth Moulton – Eletto al Congresso in Massachusetts. Ha reso il suo servizio militare un pezzo chiave del suo marchio politico. Ha contribuito a sforzarsi di opporsi alla nomina del deputato Nancy Pelosi nel nuovo Congresso. Ha sottolineato i suoi quattro viaggi in Iraq con il Corpo dei Marines e ha chiesto un nuovo approccio alla politica estera, alla sicurezza nazionale e alla difesa.

Tim Ryan – Eletto al Congresso in Ohio. È entrato a far parte del Congresso all’età di 29 anni e si è posizionato come voce per gli elettori operai nel Midwest. Ha sfidato Nancy Pelosi come leader della minoranza della Camera dopo le elezioni del 2016, vincendo 63 voti a favore di lei 134. Una volta un avversario dei diritti di aborto, gradualmente ha invertito la sua posizione e ha annunciato nel 2015 che considerava l’aborto una “scelta personale”. Le sue priorità: rinegoziare o imporre accordi commerciali; punire la manipolazione monetaria cinese; diritti sindacali e sviluppo della forza lavoro.

Eric Swalwell – Eletto al Congresso in California. Ha un profilo nazionale crescente, grazie alla sua popolarità come ospite di notizie via cavo. Come membro della Camera giudiziaria e dei comitati di intelligence, potrebbe avere una presenza di alto profilo su questioni come l’impeachment e l’indagine della Russia. Ha sottolineato la sua esperienza come procuratore per indagare sull’amministrazione Trump.

Marianne Williamson – Autrice di oltre una dozzina di libri di auto-aiuto e spiritualità. Si è candidata per il Congresso come indipendente nel 2014 e ha perso. Ha difeso i diritti degli omosessuali affetti da AIDS, fondando un’associazione di beneficenza che ora fornisce pasti a persone con gravi malattie. Ha proposto 100 miliardi di dollari di risarcimento per la schiavitù nera.

Andrew Yang – Sta conducendo una campagna a lunga distanza su una proposta per stabilire un reddito di cittadinanza universale di 1000 dollari al mese finanziato dal governo. Ha attirato l’attenzione dei media per evidenziare problemi tecnici come la robotica e l’intelligenza artificiale.

Elezioni Usa 2020 | Camera e Senato

Ma le elezioni 2020 non si fermano alla nomina del Presidente. I democratici hanno la possibilità di prendere il controllo del Senato degli Stati Uniti, con 34 seggi su 100 per le elezioni e una competitività maggiore rispetto al 2016. I democratici cercheranno anche di difendere la loro maggioranza alla Camera dei Rappresentanti, dove tutti i 435 seggi vengono rieletti ogni due anni.

> La candidatura per le elezioni 2020 di Bernie Sanders

> Usa 2020, Trump apre la campagna delle presidenziali: “L’American Dream è tornato”

Elezioni Usa: Trump crolla nei sondaggi. Biden avanti di 13 punti sul presidente

> Usa: Trump si dice pronto a ricevere “aiuti” da parte di paesi stranieri per vincere le elezioni 2020