Me

Borse di studio Inps: l’istituto vuole finanziare 100 dottorati di ricerca in industria 4.0, sviluppo sostenibile e welfare

Immagine di copertina

Borse di studio Inps: l’istituto vuole finanziare 100 dottorati di ricerca

Borse di studio Inps | “È stato pubblicato un Avviso rivolto alle Università e finalizzato alla selezione di dottorati di ricerca, per l’anno accademico 2019-2020, in materia di industria 4.0, sviluppo sostenibile, welfare e benessere, scienze statistiche e attuariali”. A comunicarlo è l’Inps, il quale ha infatti avviato una procedura con l’obiettivo di assegnare in totale 100 borse di studio.

L’iniziativa, figlia di un protocollo d’intesa tra l’istituto di previdenza e il Miur, il ministero dell’Istruzione, e di una proposta del presidente Inps Pasquale Tridico e del vicepresidente Miur Lorenzo Fioramonti, vuole favorire l’alta formazione e la ricerca per quanto riguarda ambiti ben precisi, come appunto innovazione, sviluppo sostenibile e welfare.

Come spiegato l’Inps, a seguito dell’uscita di “un successivo bando di concorso”, provvederà al finanziamento di una borsa aggiuntiva per ciascun dottorato rispetto a quelle che vengono finanziate dal ministero dell’Istruzione “in favore dei figli e orfani di pensionati utenti della Gestione Dipendenti Pubblici o di iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali”.

“L’impegno congiunto dell’Inps e del Miur ha permesso di raggiungere un risultato di fondamentale importanza”, è quanto sottolineato da Pasquale Tridico. “Cento giovani – ha poi aggiunto il vertice dell’istituto di previdenza sociale, evidenziando ancora una volta le finalità dell’iniziativa – acquisendo le borse di dottorato messe a bando, avranno la possibilità di formarsi ai più alti livelli e di sviluppare ricerche in campi strategici per il futuro del Paese”.

In questa prima fase, quindi, l’Inps avvierà le convenzioni con le diverse università in modo tale da poter far partire il bando con cui verranno assegnate le diverse borse. “Sono soggetti proponenti le Università, statali e non statali, riconosciute dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, i cui corsi di dottorato, alla data della presentazione della domanda, siano già stati accreditati. L’Istituto procederà al convenzionamento con gli Atenei proponenti per ciascun dottorato di ricerca ritenuto idoneo”, ha chiarito l’Inps in merito, aggiungendo che “il modello dovrà essere trasmesso dagli Atenei proponenti entro il 30 giugno 2019“.

Ma come saranno ripartite le borse per i dottorati? Qui di seguito la suddivisione:

  • Dottorati innovativi – intersettoriali riguardanti le tematiche dell’iniziativa “Industria 4.0”: 40 borse
  • Dottorati su scienze statistiche e attuariali: 10 borse
  • Dottorati su tematiche dello sviluppo sostenibile: 30 borse
  • Dottorati su tematiche attinenti al Welfare e al Benessere: 10 borse
  • Dottorati su Welfare e Benessere, focalizzati in particolare su tematiche del mercato del lavoro, del sistema pensionistico e dell’assistenza in Italia e su tematiche di diritto previdenziale e del lavoro: 10 borse

Concorso funzionari giudiziari, decreto in Gazzetta: uscita del bando prevista per luglio 2019