Me

“Niente casa in affitto, siete gay”: la denuncia di due ragazzi di Pavia

Immagine di copertina

Pavia affitto negato gay – Due ragazzi a Pavia hanno visto rifiutarsi l’affitto di una casa perché gay.

I giovani hanno pagato la caparra per poter vivere in una nuova abitazione, ma poco prima di poter iniziare il trasloco hanno ricevuto una brutta notizia.

La padrona di casa, nonostante gli impegni presi, ha cambiato idea dopo aver capito l’orientamento sessuale dei suoi futuri affittuari.

Teatro di questo ennesimo episodio di discriminazione è Cava Manara, vicino a Pavia.

I due giovani però non sono rimasti inermi di fronte al comportamento della padrona di casa. “Una discriminazione che non possiamo accettare. Insieme al nostro avvocato stiamo valutando la possibilità di avviare un’azione legale per chiedere un risarcimento per il danno subito”, ha fatto sapere uno dei due 30enni pavesi, che insieme al compagno aveva già anticipato una cauzione di 1.200 euro per l’affitto.

“Abbiamo subito un grave danno, a livello morale e sul piano concreto. Dopo aver pagato la caparra per avere la casa in affitto, avevamo già lasciato la precedente abitazione. Poi il contratto è saltato perchè siamo omosessuali”.

La proprietaria non ha più voluto farli entrare nell’alloggio di sua proprietà dopo aver saputo della loro omosessualità.

“Per fortuna una persona amica ci ha messo a disposizione un’altra casa in un paese alle porte di Pavia”, ha raccontato uno dei ragazzi, spiegando di essersi trovati in difficoltà dopo il rifiuto della proprietaria. Sapendo di avere una nuova casa in cui traslocare erano rimasti senza un’abitazione.

“Ma vogliamo che sia fatta giustizia. Nel 2019 non possono più accadere storie del genere”.

“Mi hanno chiesto se fossi antifascista, poi mi hanno tirato una testata sul naso”: parla il ragazzo aggredito a Roma