Me

Reddito di cittadinanza, domanda “acquisita”, “completata” o “in lavorazione”: cosa vuol dire?

Immagine di copertina

Reddito di cittadinanza domanda | Acquisita, completata, in lavorazione

Reddito di cittadinanza domanda | A partire dal 6 marzo è possibile fare domanda per il reddito di cittadinanza, il nuovo sussidio economico introdotto con il decretone insieme alla riforma delle pensioni Quota 100.

Ogni giorno 6 del mese quindi, a partire da marzo 2019, è possibile inviare la propria richiesta al fine di ottenere il beneficio che rappresenta un aiuto economico per quelle famiglie che versano in condizioni di difficoltà per quanto riguarda le spese quotidiane: con la RdC card, la carta elettronica di colore giallo che viene rilasciata da Poste Italiane e con cui è possibile spendere i soldi del sussidio, è infatti possibile comprare beni alimentari, pagare le bollette o disporre bonifici per il pagamento delle rate dell’affitto o del mutuo. Con il reddito di cittadinanza, inoltre, sono consentiti anche acquisti per beni di utilizzo comune come vestiti (ma non accessori), elettrodomestici, giocattoli o alcolici.

Reddito di cittadinanza: ecco le regole su cosa comprare e cosa no con la carta

Ma quali sono le tempistiche, una volta trasmessa la richiesta all’Inps, per conoscerne l’esito? Come controllare il suo stato sia sul sito dell’Inps che su quello ufficiale del governo? Ma soprattutto, che significato hanno i vari status domanda “acquisita”, “in lavorazione” e “completata”?

Ricordiamo innanzitutto che l’Inps, una volta trasmessa l’istanza, fornisce un esito il 15esimo giorno del mese successivo a quello di presentazione della stessa e che, se l’esito è positivo, il beneficiario verrà contattato dall’istituto di previdenza che gli fornirà indicazioni per il ritiro della Rdc Card con già all’interno l’importo spettante.

Reddito di cittadinanza, come controllare lo stato della domanda sul sito dell’Inps

Il richiedente in possesso del Pin previdenziale potrà comunque seguire tutte le fasi dell’istruttoria: la domanda apparirà con lo stato di “completata” nel momento in cui viene caricata sul portale Inps, mentre sarà “acquisita” quando l’istituto attualmente presieduto da Pasquale Tridico la avrà presa in carico e, quindi, procederà alla verifica del possesso dei requisiti per poter ricevere il reddito (o la pensione) di cittadinanza.

Nel caso in cui, invece, il richiedente in possesso di credenziali Spid abbia presentato la domanda sul sito del governo dedicato al sussidio economico, allora lo stato della domanda sarà sempre “in lavorazione” fino alla comunicazione dell’accettazione o del rifiuto. Tale voce, “in lavorazione”, esiste solo su questo sito e non su quello dell’Inps.

Reddito di cittadinanza, al via le domande di giugno: chi può fare richiesta e come?