Me

Elezioni comunali Sassari 2019: quando si vota | Candidati | Come si vota

Immagine di copertina

Elezioni comunali Sassari 2019 | Candidati | Come si vota

Elezioni comunali Sassari 2019 | Domenica 16 giugno si tengono le elezioni amministrative in 28 comuni sardi, tra cui Cagliari (qui tutti i dettagli) e Sassari.

La Sardegna ha convocato le sue comunali in una data diversa da quella di tutti gli altri comuni italiani, che avevano votato il 26 maggio per il primo turno e il 9 giugno per i ballottaggi.

Nella provincia di Sassari, oltre che nel capoluogo, si vota anche in altri comuni tra cui Alghero, Castelsardo, Golfo Aranci, Illorai, Putifigari e Sorso.

Nei comuni superiori ai 15mila abitanti, se nessuno dei candidati raggiungerà la maggioranza assoluta dei voti, si andrà al ballottaggio il 30 giugno.

Elezioni comunali Sassari 2019 | I candidati 

Sono 7 i candidati al ruolo di sindaco nel capoluogo di provincia sardo. Ecco chi sono:

• Mariano Brianda, candidato di centrosinistra, sostenuto dalle liste Pd, Campo Progressista, Italia in Comune, Futuro in Comune, Sassari Città Europea.

Mariolino Andria, candidato del centro destra sostenuto dalla lista civica Sassari Unita, Fratelli d’Italia-Energie per l’Italia, Lega, Fortza Paris-Riformatori, Forza Italia e Sardegna 20Venti.

Nanni Campus, sostenuto dalle liste civiche Sassari Civica, Prima Sassari, Sassari Progetto Comune, Noi per Sassari.

Maurilio Murri, del Movimento Cinque Stelle

 •Marilena Budroni, appoggiata da una sola lista “È viva la città”.

Lino Mura, con Alternativi per Sassari

• Giuseppe Doneddu con il Partito comunista.

> Tutti i dati sull’affluenza alle Comunali in Sardegna

Elezioni comunali Sassari 2019 | Come si vota

Sassari è un comune di 126mila abitanti, e rientra quindi nella normativa dei comuni sopra i 15mila abitanti.

Ciascun elettore recandosi al seggio ottiene una scheda con stampati i nomi dei 7 candidati a sindaco di Sassari.

L’elettore ha diverse modalità di voto:

  • voto a una delle liste tracciando una x sul simbolo. In questo modo il voto va automaticamente anche al candidato sindaco sostenuto da quelle liste.
  • voto solo per il candidato sindaco, senza alcuna lista collegata. Il voto va così solo al candidato sindaco.
  • voto per un candidato sindaco, tracciando la x sul box con il nome del candidato, e per una delle liste collegate. Il segno va così sia al candidato che a una lista collegata.
  • voto per un candidato a sindaco e per una lista non collegata (il cosiddetto voto disgiunto). In questo modo il voto va sia al candidato sindaco che alla lista di un’altra coalizione
  • voto per un candidato alla carica di consigliere comunale, scrivendo il cognome del candidato sull’apposita riga accanto al simbolo della lista

Se nessun candidato ottiene almeno il 50 per cento dei voti sarà necessario ricorrere al ballottaggio. Accedono al secondo turno solo i due candidati più votati. Al secondo turno risulterà eletto chi tra i due avrà ottenuto più voti.