Me

Ultimi sondaggi: cosa c’è dietro al trionfo della Lega

Immagine di copertina

Ultimi sondaggi oggi 5 giugno | Governo news | Lega | M5S

ULTIMI SONDAGGI OGGI 5 GIUGNO | Sono giornate molto particolari per il futuro del governo. Il 5 giugno Bruxelles presenta all’Italia una procedura d’infrazione per il debito eccessivo. Il 3 giugno il premier Giuseppe Conte ha tenuto una conferenza stampa in cui ha richiamato all’ordine gli alleati di Governo e lanciato loro un ultimatum (qui il discorso di Conte punto per punto).

La tenuta dell’esecutivo è incerta e il ritorno al voto in autunno è uno scenario non certo inverosimile. Questa situazione in bilico non dispiace però alla Lega. Vediamo perché.

La vittoria di Matteo Salvini alle elezioni Europee 2019 è dipesa anche dagli operai. Secondo un sondaggio Ipsos, il 40,3 per cento dei voti guadagnati il 26 maggio proviene proprio da cittadini che svolgono attività in fabbrica.

Ultimi sondaggi oggi 5 giugno | Voti strappati alla sinistra

Quindi il sondaggio spiega cosa c’è dietro il trionfo della Lega: i voti strappati alla sinistra. Se una volta le tute blu erano appannaggio della sinistra, ora la situazione è nettamente cambiata e si assiste a una vera e propria rivoluzione. Il Carroccio, però, attrae anche un’altra fetta della popolazione: il 42,2 per cento dei suoi consensi proviene da autonomi, commercianti e artigiani.

A sorpresa, con il 2,6 per cento di consensi al sodalizio La Sinistra, i ceti elevati sono stati il campione più frequente. Stessa leadership è toccata al Partito Democratico. Per loro le percentuali più basse – rispettivamente 1,3 e 14,3 per cento – si ritrovano fra gli operai. Va meglio ai Cinque Stelle che pescano tra gli operai e i disoccupati il 24,1 per cento e il 20,3 per cento. Il Movimento 5 Stelle però perde tra i pensionati, raggiungendo uno scarno 13,1 per cento.

Questi ultimi si polarizzano tra Pd, a cui attribuiscono il 28,2 per cento del loro consenso, e Lega, che premiano con il 30,7 per cento dei loro voti. Ma cosa ne sarà dei più giovani? I ragazzi hanno premiato, ancora una volta, il partito di Salvini con il 28 per cento, a seguire il Pd con il 22,4 per cento, il M5s (16,9) e infine La Sinistra con l’1,3 per cento.

Il reddito di cittadinanza non ha garantito ai grillini il benestare dei disoccupati. Infatti, solo il 20,3 per cento di loro ha votato i Cinque Stelle. Poco di meno sono stati i voti che i cittadini senza lavoro hanno affidato al Pd (appena il 14,9 per cento). I numeri più alti li ha ottenuti la Lega, che sfoggia il 32,6 per cento. Insomma, anche le urne hanno conclamato la crisi della sinistra.

Ultimi sondaggi oggi 5 giugno | La leadership

A favorire la vittoria del Carroccio, secondo i sondaggi, sarebbe stata anche alla percezione dell’importanza del leader. Al momento il peso del leader è maggiore di quella del partito stesso di appartenenza nella scelta di voto del 28 per cento degli elettori.

Cosa ha detto il premier Conte nel suo atteso discorso, punto per punto

Qui tutti i sondaggi sulla politica italiana

> Qui i sondaggi del 4 giugno