Me

Jay-Z era uno spacciatore di droga, oggi è il primo rapper diventato miliardario

Immagine di copertina
Jay-Z miliardario Forbes

Jay-Z miliardario Forbes – Il primo rapper al mondo a diventare miliardario: così Forbes incorona Jay-Z a nuovo re Mida della musica.

Liquori, arte, immobili (ha ben tre case tra Los Angeles, Hamptons, e Tribeca) e azioni in società come Uber, Shawn Carter (così all’anagrafe) non si è fatto mancare proprio nulla nella sua ascesa patrimoniale.

Risultati ancora più impressionante se si pensa alle origini di Jay-Z: da spacciatore di droga a proprietario della label Reasonable Doubt aperta nel ‘96.

Primi passi nella musica alla fine degli anni’90 che non si sono mai arrestati: 14 album finiti al numero uno delle classifiche, 22 premi Grammy e oltre 500 milioni di dollari guadagnati in appena un decennio.

Quale il segreto di tanta fortuna? La determinazione a diventare imprenditore di se stesso. Così nel 1999 crea la linea di abbigliamento Rocawear,  venduta poi per 204 milioni di dollari a Iconix nel 2007; entra come azionista Bacardi per il cognac D’Ussé, di cui è co-proprietario e gli investimenti in Tidal, un servizio di streaming musicale.

Dice di lui il produttore Kasseem “Swizz Beatz” Dean: “È più grande dell’hip- hop … è il progetto per la nostra cultura. Un ragazzo che assomiglia a noi, suona come noi, ci ama, ha fatto qualcosa che abbiamo sempre sentito sopra di noi. Se è un miliardario adesso, immagina cosa sta per diventare”, dice Swizz Beatz. “Perché ha appena iniziato.”

“Liberato sta tornando”, le rivelazioni a TPI sul cantante napoletano senza identità

Luca Marinelli debutta a Hollywood con Charlize Theron e Netflix

Homecoming, l’esibizione di Beyoncé diventa un documentario e arriva su Netflix