Me

Pensioni, è allarme: “I giovani rischiano di vivere una vecchiaia in povertà”

Immagine di copertina

Pensioni giovani rischio povertà | Rapporto sullo stato sociale | Ultime news

PENSIONI GIOVANI RISCHIO POVERTÀ – È decisamente un quadro poco edificante e anzi molto preoccupante per i giovani quello che viene prospettato all’interno del 13esimo Rapporto sullo Stato sociale, curato da Felice Roberto Pizzuti, economista dell’università La Sapienza di Roma.

Nello studio, infatti, viene sottolineato come “oltre la metà dei lavoratori dipendenti assunti dopo il 1995, avendo sperimentato retribuzioni saltuarie e basse, rischiano di maturare una pensione del tutto inadeguata a tutelarli dalla povertà”.

Tutte le ultime notizie sulle pensioni

Una prospettiva che tutti i giovani di oggi hanno ben chiaro in mente. Non è raro, infatti, sentir dire ai ragazzi che – sebbene abbiano davanti ancora molto tempo – hanno già rinunciato all’idea di maturare i contributi per ottenere la pensione. Ma leggerlo nero su bianco ha sempre un altro effetto.

Nelle sue riflessioni, Pizzuti propone di “attenuare il collegamento rigido tra prestazioni e contributi” tramite l’introduzione di una pensione di base, “un importo pensionistico garantito che tenga conto degli anni di attività individuale anziché del solo montante di contributi accumulato”.

Pensioni giovani rischio povertà | Le parole di Tridico, presidente Inps

Il presidente dell’Inps, Pasquale Tridico, a margine della presentazione del Rapporto sullo stato sociale ha ammesso l’esistenza del problema relativo al rischio povertà per tanti giovani italiani.

“Per via di lavori precari e carriere instabili, difficilmente avranno pensioni dignitose”, ha dichiarato infatti il numero uno dell’Istituto nazionale di previdenza sociale.

E a questo proposito, Tridico ha espresso il suo auspicio affinché venga “allargata la pensione di cittadinanza” fino a 780 euro.

Tridico (INPS) a TPI: “Presto un decreto per allargare le maglie del Reddito di cittadinanza: con l’Isee corrente entra anche chi ha perso il lavoro da poco”

Pensioni giovani rischio povertà | Le parole di Mattarella

Anche il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha commentato con un messaggio il Rapporto sullo stato sociale di Pizzuti. Invitando chi di dovere a impedire che “i profondi cambiamenti che hanno investito la nostra struttura sociale ed economica si trasformino in esclusione ed emarginazione”.

Gli interventi assistenziali, ha continuato il capo dello Stato, “non possono limitarsi a mere erogazioni di sussidi, ma devono tendere all’obiettivo di arginare l’emarginazione sociale”.

Assegni familiari: l’Inps pubblica le nuove tabelle 2019/2020

Tagli alle pensioni giugno 2019, quanto perdono i pensionati? Le tabelle con le percentuali e tutte le info utili