Me

Siria, troupe di Sky News attaccata da un raid aereo nella regione di Idlib

Immagine di copertina
(Credit foto: AFP PHOTO / STRINGER)

SIRIA GUERRA – Una troupe giornalistica dell’emittente britannica Sky News presente nel nord ovest della Siria afferma di essere stato obiettivo di raid aereo governativo siriano mentre tentava di documentare quel che accade sul fronte di guerra nella regione di Idlib.

Siria guerra | Una troupe di Sky News attaccata da un raid a Idlib

La giornalista di Sky News, Alex Crawford, ha firmato un servizio televisivo, diffuso nelle ultime ore, in cui mostra se stessa e i suoi colleghi mentre sono raggiunti da non meglio identificati ordigni sparati dal cielo, forse da un drone, nella regione a sud di Idlib.

> Le notizie di TPI sulla guerra in Siria

Le forze governative siriane e russe da un mese hanno in corso una vasta offensiva aerea e di terra nella regione di Idlib, dove secondo l’Onu circa 200mila persone sono ora sfollate a causa dei raid e degli scontri.

Nell’area operano miliziani anti-regime, tra cui qaidisti, che hanno ricevuto sostegno dalla Turchia e che sono riusciti a respingere gli attacchi di terra delle forze di Damasco.

Siria guerra | Il servizio dei giornalisti di Sky News a Idlib

I giornalisti dunque hanno assistito in prima persona all’attacco ai civili all’interno della provincia di Idlib. “Abbiamo visto come il cessate il fuoco, mediato da Russia e Turchia lo scorso anno a Sochi, sia stato stravolto”, hanno scritto.

E ancora: “Il ministro della Difesa turco ha accusato il regime siriano di violazione del cessate il fuoco. L’opposizione ha compiuto diversi contrattacchi per riconquistare il terreno perduto e spingere in avanti nuovi attacchi al regime e alle posizioni russe nella vicina zona di Latakia. I funzionari di Idlib sostengono che sono state costrette a lasciare le loro case nelle ultime settimane circa 700mila persone”. “È in atto un’escalation drammatica nell’assalto del regime alla provincia di Idlib, che è l’area più densamente popolata della Siria”.

(Credit foto di copertina: AFP PHOTO / STRINGER)