Me

Dl sicurezza bis, cosa prevede il decreto che introduce multe fino a 50mila euro per chi salva i migranti

Immagine di copertina
Matteo Salvini

Decreto sicurezza bis Il 20 maggio il Consiglio dei ministri ha modificato la bozza del decreto Sicurezza bis proposto dal ministero dell’Interno Matteo Salvini.

La misura era stata messa a punto nella serata del 10 maggio: prevede multe per chi soccorre i migranti, ma non solo. Il decreto si compone di 12 articoli.

Il nucleo centrale prevede l’inasprimento delle misure contro i trafficanti di esseri umani e il potenziamento delle operazioni sotto copertura per contrastare l’immigrazione clandestina.

Qui abbiamo spiegato cosa prevede il decreto sicurezza bis, punto per punto:

Multe per chi soccorre i migranti

L’articolo 1 del decreto sicurezza bis prevede che chi, nello svolgimento di operazioni di soccorso in acque internazionali, non rispetta gli obblighi previsti dalle Convenzioni internazionali –  con particolare riferimento alle istruzioni operative delle autorità SAR competenti o di quelle dello Stato di bandiera – può incorrere in una “sanzione amministrativa” che va dai 10 ai 50mila euro.

“Salvo che si tratti di naviglio militare o di navi in servizio governativo non commerciale, il comandante della nave, che nel corso della navigazione procede, anche in acque internazionali, ad azioni di soccorso di mezzi adibiti alla navigazione ed utilizzati per il trasporto di migranti, anche mediante il recupero delle persone ovvero il traino del mezzo, è tenuto ad operare nel rispetto della normativa internazionale e delle istruzioni operative emanate dalle autorità responsabili dell’area in cui ha luogo l’operazione di soccorso”.

“In caso di inosservanza dove segua lo sbarco dei migranti in territorio italiano, salvo che il fatto costituisca reato, si applica nei confronti del comandante, dell’armatore e del proprietario della nave la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 10mila a euro 50mila”.

Se vi è la reiterazione reato con “la medesima nave” e se “il numero degli stranieri sbarcati è superiore a 100” si applica anche la confisca della nave, “procedendo immediatamente a sequestro cautelare”.

Modifiche al codice della navigazione

L’articolo 2 del decreto sicurezza bis prevede alcune modifiche al codice della navigazione, e nello specifico viene attribuito al ministro dell’Interno il potere di “limitare o vietare il transito e la sosta di navi mercantili o unità da diporto o di pesca nel mare territoriale per motivi di ordine e sicurezza pubblica e comunque in caso di violazione” di alcune delle disposizioni della Convenzione di Montego Bay.

Favoreggiamento dell’immigrazione clandestina

All’articolo 3 il decreto sicurezza bis vuole contrastare a monte l’organizzazione dei trasporti di migranti irregolari.

Finanziamento da 2 milioni per le forze dell’ordine

Il decreto sicurezza bis all’articolo 4 prevede lo stanziamento di 2 milioni di euro nel triennio 2019-2021 per il finanziamento degli “oneri conseguenti al concorso di operatori di polizia di Stati con i quali siano stati stipulati appositi accordi” per lo svolgimento di operazioni sotto copertura “anche con riferimento alle attività di contrasto del delitto di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina”.

Universiadi

Tra le novità del decreto sicurezza bis c’è l’arrivo di 500 militari in più a Napoli in vista delle Universiadi 2019.

Inasprimento delle sanzioni per i reati di devastazione

L’articolo 5 del decreto sicurezza bis interviene sul Tulps, il Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, inasprendo le sanzioni conseguenti ai reati di devastazione, saccheggio e danneggiamento, commessi nel corso di riunioni effettuate in luogo pubblico o aperto al pubblico.

Inoltre, prevede espressamente l’obbligo di comunicazione immediata, non oltre le 24 ore, all’autorità di pubblica sicurezza delle generalità delle persone ospitate in alberghi o in altre strutture ricettive.

Tutela degli operatori delle forze dell’0rdine

L’articolo 6 del decreto sicurezza bis prevede maggiori tutele per gli operatori delle forze dell’ordine impiegati in servizio di ordine pubblico, attraverso l’introduzione di nuove fattispecie delittuose. Il decreto inoltre trasforma quelle che attualmente sono contravvenzioni in delitti e prevede inoltre l’inasprimento delle sanzioni.

Ad esempio, “chiunque nel corso di manifestazioni.. per opporsi a pubblico ufficiale o all’incaricato di pubblico servizio.. utilizza scudi o altri oggetti di protezione passiva ovvero materiali imbrattanti o inquinanti è punito con la reclusione da 1 a 3 anni”.

Ovvero, “chiunque lancia o utilizza illegittimamente, in modo da creare un concreto pericolo per l’incolumità delle persone o l’integrità delle cose, razzi, bengala, fuochi artificiali, petardi, strumenti per l’emissione di fumo o di gas visibile… ovvero bastoni, mazze, oggetti contundenti è punito con la reclusione da 1 a 4 anni”.

Commissario straordinario e assunzione di 800 persone

L’articolo 8 del decreto sicurezza bis prevede l’istituzione di un commissario straordinario e l’assunzione di 800 persone con impegno di spesa per oltre 25 milioni di euro: permetterà di notificare sentenze ai condannati attualmente in libertà e garantire così l’effettività della pena. Inasprite anche le misure per chi aggredisce operatori delle forze dell’ordine.

Il commissario straordinario, nominato dal Consiglio dei ministri su proposta del ministro dell’Interno, ha il compito di realizzare un programma di interventi finalizzati ad eliminare l’arretrato relativo ai procedimenti di esecuzione delle sentenze di condanna divenute definitive da eseguire nei confronti di imputati liberi.

Decreto Sicurezza bis: cosa prevede, punto per punto. Lo spiegone di TPI.