Me

Il maltempo non dà tregua: allerta rossa per i fiumi. Emilia Romagna in ginocchio

Immagine di copertina

Maltempo Emilia Romagna | Allerta meteo 13 maggio | Cosa succede in Emilia Romagna 

Un’ondata di maltempo ha investito l’Italia e in modo particolare l’Emilia Romagna, dove il fiume Savio è esondato (qui i dettagli sull’esondazione). Disagi anche in Puglia, nelle Marche e in Campania.

Le previsioni – Secondo le previsioni meteo per oggi e domani, potrebbero esserci rovesci nevosi dai 1200-1300 metri sull’Appennino centrale, dai 10 ai 20 centimetri di altezza. Intorno ai 1400-1700 metri su quello meridionale, più abbondanti fino a 30 cm, a tratti più in basso tra Emilia Romagna e alte Marche, dove durante le precipitazioni più intense la neve raggiungerà anche i 900-1000 m, soprattutto nella giornata di martedì 14 maggio.

Allerta rossa – II maltempo in Emilia Romagna ha portato ad elevare l’allerta meteo a “rossa” per criticità idraulica dal 13 maggio e per tutta la giornata del 14 in pianura e sulla costa romagnola, sulla costa ferrarese e sulla pianura emiliana centrale e orientale.

Estesa a domani l’allerta arancione per pericolo di esondazioni e frane nei bacini romagnoli. Allerta gialla anche per vento su costa ferrarese e romagnola.

Allerta gialla anche in Toscana e in Liguria c’è l’avviso di venti di burrasca. Danni alle colture per la grandine in Puglia. Particolarmente bersagliate, segnala la Cia Agricoltori Due Mari di Taranto-Brindisi, sono state le zone di Ginosa, Mottola e Castellaneta Marina, in provincia di Taranto, ma anche la Valle D’Itria e parte della provincia di Bari.

Le conseguenze dell’esondazione del Savio

Maltempo Emilia Romagna | Fiume Savio | Protezione civile

L’esondazione del Savio – Il corso d’acqua Savio, in provincia di Forlì-Cesena, è tracimato questa mattina alle 9,30. Lo confermano i vigili del fuoco con una nota diffusa su Twitter.

Sono in corso controlli delle squadre fluviali dei pompieri per eventuali persone bloccate nelle abitazioni. Due persone in difficoltà, tra cui una disabile, sono state già soccorse. Fiocchi sparsi lungo l’Appennino, in genere più probabili sul versante Adriatico.

Per colpa del maltempo in Emilia Romagna, nel Cesenate il Savio ha straripato già dalla nottata in particolare nella zona di via Pontescolle. Qui i vigili del fuoco sono dovuti intervenire per trarre in salvo un’anziana insieme alla badante: la loro casa era rimasta isolata. La polizia municipale ha chiuso al traffico il Ponte Nuovo dirottando la circolazione sul Ponte Vecchio creando disagi visto che è interessato anche un tratto della via Emilia. Vigili del fuoco e protezione civile stanno tenendo monitorate soprattutto le zone di Martorano, Oltresavio e San Carlo.

 

L’intero corso del Savio è continuamente monitorato dalla Protezione Civile, con particolare attenzione nel quartiere Oltresavio, dove fin dalle prime ore di questa mattina sta girando un auto munita di megafono per allertare i residenti, invitandoli a organizzarsi per far fronte a un’eventuale esondazione del fiume. Per lo stesso motivo di prudenza già all’inizio delle lezioni sono stati rimandati a casa i bambini che frequentano l’asilo dell’Ippodromo.

Anche nel Ravennate diversi fiumi hanno superato i livelli idrometrici: soglia arancione per il Ronco e da bollino rosso per Montone e Lamone. Nelle prossime ore, fa sapere il Comune di Ravenna, sono previste piene importanti.

Personale di Regione, Comune, Polizia locale e volontari di Protezione civile hanno monitorato la situazione per tutta la notte e stanno continuando a farlo. Per il maltempo, la popolazione è invitata a non accedere a capanni e ai canali di raccolta della portata maggiore dei corsi d’acqua.

Arpa Emilia Romagna | Allerta meteo Ravenna | Famiglie bloccate

Le famiglie in pericolo – Alcune famiglie sono rimaste isolate in provincia di Forlì-Cesena. Si tratta, si legge nell’ultimo bollettino della Regione, di 15 persone a Mercato Saraceno, tre a Bagno di Romagna e due famiglie a Modigliana.

Nell’Imolese, nel territorio bolognese, per allagamenti causati dal Sillaro, si sta valutando l’evacuazione di alcune famiglie. A Cotignola (Ravenna) la piena del Senio va verso il record storico di 15 metri: si stanno rialzando gli argini con i sacchetti di sabbia.

A San Bartolo, sempre nel Ravennate, nel luogo del crollo della Ravegnana, a ottobre 2018, la popolazione è stata pre-allertata per la possibile evacuazione. Interrotta la linea ferroviaria tra Faenza e Cesena, per la chiusura precauzionale del ponte della ferrovia sul fiume Savio. Nel Parmense la piena dell’Enza è transitata a Sorbolo senza particolari problemi, mentre a Vetto nel Reggiano la viabilità comunale è stata interrotta da due frane.

La linea ferroviaria bloccata – La linea ferroviaria Bologna-Rimini tra Cesena e Forlì è stata interrotta. La misura, fa sapere Fs, è stata presa precauzionalmente in seguito alla piena del Savio che sta lambendo i binari che corrono su un ponte, quasi completamente sommerso dall’acqua. Sospesa la circolazione per treni a lunga percorrenza e regionali. Tecnici di Rfi sono al lavoro per monitoraggi.

È in corso la riprogrammazione dei treni, con possibili deviazioni, cancellazioni e servizi bus.

Maltempo Emilia Romagna | Scuole chiuse

Quali sono le scuole chiuse – A causa del maltempo è stata decisa la chiusura delle scuole nei comuni di Cesena, Modena e Ravenna.

Il sindaco di Cesena, Paolo Lucchi, ha comunicato con un’ordinanza: “Si invita la cittadinanza a non mettersi in strada se non strettamente necessario e in ogni caso a prestare la massima attenzione”. Il primo cittadino ha spiegato che “il provvedimento è stato preso tenendo conto delle già difficili condizioni della viabilità, con vari percorsi stradali e pedonali inagibili, con l’obiettivo di evitare disagi e pericoli agli alunni. Durante l’alluvione se si è in casa si consiglia di salire ai piani superiori e aspettare l’arrivo dei soccorsi. Stare lontano da ponti, fiumi e altri corsi d’acqua”.

> Qui tutte le ultime news sulle scuole chiuse

Maltempo Emilia Romagna domani

Le raccomandazioni – Le autorità raccomandano di limitare gli spostamenti in automobile allo stretto necessario e di prestare la massima attenzione nel percorrere ponti, sottopassi, strade sotto l’argine, di non utilizzare interrati e seminterrati.

Le previsioni per i prossimi giorni – Per gran parte della settimana e già da oggi infatti, il nostro Paese rimarrà avvolto dalle spire del maltempo, contrassegnato da un freddo fuori stagione, ma soprattutto dall’arrivo di un nuovo ciclone carico di temporali e grandine.

La giornata del 13 maggio trascorrerà ancora all’insegna del brutto tempo su molte regioni del Paese, eredità dal forte peggioramento sopraggiunto nel corso del weekend. Il cattivo tempo insisterà ancora sul Nord Est, sulle regioni adriatiche e su gran parte del Sud.

 

Allarme rosso per il meteo