Me

Notre Dame, la società edile ammette: “Gli operai fumavano sulle impalcature”

Immagine di copertina

L’impresa edile che si stava occupando del restauro della cattedrale di Notre Dame ha ammesso che gli operai fumavano sulle impalcature. La stessa azienda però nega un rapporto tra le sigarette accese e l’incendio a Notre Dame.

La società edile, “Le Bras Freres”, ha reso la testimonianza davanti agli inquirenti e si è detta “rammaricata” del fatto che gli operai abbiano violato il divieto di fumo che vigeva nel cantiere.

“Effettivamente ci sono operai che ogni tanto hanno violato il divieto ma in nessun caso all’origine dell’incendio ci potrebbe essere un mozzicone spento male”, ha dichiarato Marc Eskenazi, portavoce dell’impresa.

Nel cantiere sono stati ritrovati sette mozziconi di sigaretta.

Notre Dame, il ministro della Cultura: “La cattedrale è quasi salva”

La polizia francese: “L’incendio di Notre Dame è stato provocato da un corto circuito”

Quanto ci vorrà per ricostruire la cattedrale di Notre Dame