Me

Elezioni europee, Mara Carfagna esclusa dalle liste di Forza Italia

Immagine di copertina
Credit: TIZIANA FABI / AFP

Le elezioni europee si avvicinano e oggi, 17 aprile, scade il termine massimo concesso ai partiti per presentare le liste con i candidati.

Analizzando l’elenco stilato dal partito di Berlusconi non sono tanto i nomi presenti, quanto quelli assenti e in particolare uno: quello di Mara Carfagna.

La vicepresidente della Camera era finita al centro delle polemiche nei giorni scorsi: la Carfagna è stata accusata di aver cercato di sottrarre voti a Silvio Berlusconi facendosi inserire quale capolista nella sezione Sud Italia.

A dare il via alla querelle era stato il governatore della Liguria Toti, che tramite social aveva lanciato un duro attacco contro Mara Carafagna, ma il commento più significativo era giunto da una fonte vicina a Berlusconi.

Secondo il leader di Forza Italia quello della Carfagna è un vero e proprio “golpe contro il partito”, un tentativo di “pensionare” l’ex Cavaliere.

Al centro della polemica la disponibilità della vicepresidente della Camera a candidarsi nella circoscrizione Sud, proposta avanzata da Roberto Occhiuto e Paolo Russo e sostenuta anche dalla capogruppo alla Camera, Maria Stella Gelmini, e da Renato Brunetta.

La disponibilità della Carfagna però non ha ricevuto l’approvazione del leader di Forza Italia che, come detto, ha definito un golpe la mossa della vicepresidente della Camera.

Un veto che si è tradotto quindi nell’esclusione della Carfagna dalle liste europee: al suo posto nella circoscrizione Sud compare invece il nome di Silvio Berlusconi, capolista anche in Italia Nord Ovest.

Lo scontro tra i vertici azzurri a così poca distanza dalle europee rischia di avere un impatto negativo sui risultati delle urne per Forza Italia, che rischia già di incorrere in un flop.

>Elezioni europee 2019: i candidati e le liste in Italia