Me

Alexandria Ocasio-Cortez ha cancellato il suo profilo Facebook

Immagine di copertina

Alexandria Ocasio-Cortez, la cui presenza sui social media è stata decisiva per far luce sui meccanismi interni del potere del Congresso e per dar voce ai più deboli negli Stati Uniti, ha rinunciato al social network più popolare del mondo: Facebook.

In un’intervista per il podcast di Yahoo News chiamato “Skullduggery”, la democratica di New York ha detto che ha smesso di usare il suo account Facebook e si sta ridimensionando su tutti i social media, che ha descritto come un “rischio per la salute pubblica” perché possono portare a “maggiore isolamento, depressione, ansia, dipendenza e estraniamento”.

Ocasio-Cortez, 29 anni, ha detto che il suo abbandono di Facebook non è stato una scelta semplice, perché la piattaforma era stata fondamentale per la sua campagna elettorale.

Ha ancora degli account sul sito e il suo account Facebook ufficiale ha dozzine di pubblicità attive sponsorizzate da Alexandria Ocasio-Cortez per il Congresso. Tra gli annunci ci sono le chiamate a sostenere il suo nuovo Green Deal, e le richieste di raccolta fondi per la legislazione progressista.

“Le parole della deputata parlano da sole”, ha detto Corbin Trent, portavoce di Ocasio-Cortez. Ocasio-Cortez si unisce ad altri utenti importanti che hanno rinunciato al social network, incluso il co-fondatore di WhatsApp Brian Acton, che ha venduto la sua azienda a Facebook nel 2014, e il co-fondatore di Apple Steve Wozniak.

Dopo una serie di scandali che hanno coinvolto l’uso improprio di dati personali, contenuti odiosi e disinformazione, molti utenti di Facebook hanno cambiato anche il loro modo di usare la piattaforma.

Il disimpegno di Ocasio-Cortez nei confronti di Facebook segue anche le tendenze generali nell’uso dei social media tra i giovani. Secondo uno studio del Pew Research Center del 2018, la popolarità di Facebook tra gli adolescenti è precipitata negli ultimi anni. Circa la metà degli adolescenti della nazione afferma di usare Facebook, rispetto al 71 per cento del 2015.

YouTube, Instagram e Snapchat hanno ormai superato Facebook.

“In realtà penso che i social media rappresentino un rischio per la salute pubblica per tutti”, ha spiegato AOC. Secondo Ocasio-Cortez, “Ci sono impatti amplificati per i giovani, in particolare i bambini di età inferiore ai 3 con il tempo passato davanti allo schermo. Ma penso che abbia molti effetti sulle persone anziane. Penso che abbia effetti negativi su tutti”.

> Usa, Alexandria Ocasio-Cortez sfida i super-ricchi e denuncia “il sistema politico corrotto”