Me

Auto, pneumatici e dotazioni invernali: da oggi 15 aprile 2019 fine dell’obbligo di legge

Immagine di copertina

Obbligo pneumatici invernali 2019 | Fino a quando | Date | Multe

OBBLIGO PNEUMATICI INVERNALI 2019 – Oggi, lunedì 15 aprile 2019, termina l’obbligo dei pneumatici M+S con o senza pittogramma alpino. Arrivederci alle gomme invernali (da neve) o catene a bordo, per chi ha scelto questa opzione. Se ne riparlerà il prossimo autunno. Spazio quindi ai treni estivi in vista delle belle giornata e delle temperature più alte.

Per i pneumatici estivi, però, a differenza di quanto accade per i cugini invernali, non esiste l’obbligo di legge per cui chi non li monta può incorrere in qualche sanzione.

Previste sanzioni, al contrario, per chi dal 16 maggio al 14 ottobre non avrà sostituito i pneumatici marcati con codici di velocità inferiori rispetto a quelli riportati sul libretto di circolazione: pratica consentita solo entro il periodo invernale, con una deroga di un mese (quindi fino al 15 maggio), oltre il quale si è soggetti a ricevere multe impegnative non solo in termini pecuniari (da 422 a 1.695 euro), poiché è previsto anche il ritiro della carta di circolazione e l’invio in revisione del mezzo.

Obbligo pneumatici invernali 2019 | Perché bisogna cambiare le gomme?

L’utilizzo di gomme consone per il periodo è molto importante per quanto riguarda la sicurezza: durante la bella stagione i pneumatici estivi (come quelli invernali con il freddo) consentono la riduzione degli spazi di frenata fino al 20 per cento, dei consumi in termini di carburante e di usura delle gomme stesse.

“Mettersi alla guida con pneumatici lisci, danneggiati, non omologati e/o montati maldestramente, costituisce un elemento di pericolosità ed un potenziale pericolo per la sicurezza stradale che va assolutamente evitato”, le parole del direttore di Assogomma, Fabio Bertolotti. “Siamo alla vigilia di un lungo ponte che vedrà molti italiani in viaggio da nord a sud e viceversa, ed un controllo ai propri pneumatici presso gommisti qualificati rappresenta una buona regola per iniziare bene le nostre vacanze”, ha concluso.

Ecotassa auto 2019: dal 1 marzo in vigore, ecco come funziona