Me

Messico, italiano ucciso in un ristorante a Città del Messico

Immagine di copertina
Il ristorante Bella Donna, nel quartiere di Cuauhtemoc a Città del Messico.

Salvatore Stefano, 35 anni, cittadino italiano, è stato ucciso a colpi di arma da fuoco nella serata di mercoledì 3 aprile in Messico. L’uomo si trovava nel ristorante Bella Donna, nel quartiere di Cuauhtemoc a Città del Messico.

Secondo quanto riportano i media locali, Salvatore Stefano al momento dell’agguato si trovava in compagnia di altri due connazionali. I suoi assalitori si sarebbero allontanati con una moto di grossa cilindrata dopo averlo colpito ripetutamente.

Il 35enne era ancora vivo quando sono arrivati i soccorsi, il decesso è avvenuto infatti durante il trasporto dell’uomo in ospedale.

La stampa locale ha raccolto le testimonianze dei presenti alla sparatoria. Un uomo ha dichiarato all’emittente tv Televisa, che “durante la sparatoria si sono sentite imprecazioni e maledizioni in italiano”. Secondo quanto si apprende dalla dichiarazione dell’uomo i suoi assasini potrebbero essere connazionali.

Le autorità non escludono che il movente dell’omicidio sia una “vendetta per una truffa”: Salvatore Stefano vendeva dei macchinari cinesi, spacciandoli per tedeschi.