Me

Lo Stato Sociale contro Salvini: “Mare Jonio nave di dignità e speranza. Concetti molto distanti da lui”

La band bolognese si schiera in difesa della nave Mare Jonio di Mediterranea

Immagine di copertina
Lo Stato Sociale; Matteo Salvini

Lo Stato Sociale le canta a Matteo Salvini. Il gruppo bolognese si schiera in difesa della nave Mare Jonio che il 18 marzo scorso ha soccorso 47 migranti al largo del Mediterraneo e attacca il ministro degli Interni.

In un testo scritto da “Bebo” – all’anagrafe Alberto Guidetti, uno dei cinque del gruppo, e comparso in una storia sull’account Instagram de Lo Stato Sociale, si legge: “Ha un bel da parlare il ministro Matteo Salvini, definendo la Mare Jonio come ‘la nave dei centri sociali'”.

“La nostra è una nave di dignità e speranza. Due concetti molto distanti dalla sua persona”, si legge ancora nel messaggio.

Mare Jonio entra nel porto di Lampedusa: Guardia di finanza sequestra la nave

“La nostra è una nave di persone, finanziata dal basso e dai cittadini e libera di solcare i nostri mari. Non esistono persone di Serie A e altra di Serie B, C fino alla Z”, continua il testo. “Tenerci divisi è contro ogni normalità perché siamo fatti per stare assieme, condividerci, sporcarci e ricominciare assieme. Mediterranea Saving Humans è il segno inequivocabile che noi, le persone, siamo ancora capaci di grandezze e grandiosità che questa politica non sa uguagliare né rappresentare”.


Il gruppo proprio qualche settimana fa aveva postato sui social una foto in cui due dei musicisti si trovavano a bordo di un gommone proprio con il team di Mediterranea, “per imparare a fare soccorsi in mare”.

lo stato sociale salvini

Credit: Instagram/Lo Stato Sociale

Il messaggio de Lo Stato Sociale è la risposta alle parole del vicepremier leghista che nella mattina del 19 marzo ha commentato il salvataggio delle vite in mare da parte della nave di Mediterranea. “È la nave dei centri sociali, vi invito a cercare chi è Luca Casarini, leader dei centri sociali del nord-est, con precedenti penali. Questi non hanno obbedito a nessuna indicazione, hanno deciso di dirigersi in Italia per motivi politici, se ne sono fregati dell’alt della guardia di Finanza”, ha detto il ministro dell’Interno.

“Se uno raccoglie 50 persone in un paese straniero, dove li porta? Nel porto più vicino o più lontano? In Italia col mio permesso non mettono piede”, ha continuato il ministro Salvini, asserendo che Mediterranea sarebbe “un’organizzazione che gestisce e supporta il traffico di esseri umani”.