Me

Giornate del Fai: ecco date, eventi e luoghi da visitare per la primavera 2019

Immagine di copertina

GIORNATE FAI 2019 – La primavera è ormai alle porte e, come ogni anno, il FAI – cioè il Fondo Ambientale Italiano – organizza delle giornate tutte dedicate alla riscoperta del patrimonio storico, artistico e culturale del nostro paese.

L’Italia, d’altronde, ne ha di bellezze da poter vantare e questa è la nuova occasione in cui il Fondo invita tutti ad immergervisi e goderne. Il 23 e 24 marzo 2019 sono le due giornate Fai in cui sarà infatti possibile accedere a ben 1.100 luoghi generalmente chiusi al pubblico in 430 diverse località.

L’iniziativa, giunta alla sua ventisettesima edizione, quest’anno ha un tema molto importante, quello del “ponte tra culture”: i luoghi scelti tra le diverse regioni italiane raccontano infatti le influenze esterne, straniere, che l’Italia ha ricevuto nel corso dei secoli. Influenze che ormai sono divenute parte di questi stessi luoghi, caratteristiche proprie che ne delineano i tratti di unicità.

A spiegare il valore aggiunto di questa “contaminazione” saranno alcuni volontari stranieri, volutamente reclutati dal FAI fra quelli italiani proprio con questo obiettivo. Sono 40mila i volontari sparsi per tutta Italia che guideranno i visitatori in questo fantastico viaggio fra meraviglie storiche e artistiche nascoste per il resto dell’anno.

Giornate Fai 2019 | Luoghi al Nord

Per quanto riguarda il Nord Italia e iniziando con uno dei suoi capoluoghi, Milano, la città lombarda ha 12 luoghi, ancora “inesplorati” ai più, da visitare: parliamo ad esempio del Gucci Hub, della Palazzina Appiani, del Palazzo Mezzanotte o della sede della Borsa italiana.

In Piemonte invece, in totale, ben 123 siti accessibili durante le giornate del Fai: il Castello di Casale Monferrato, il Castello e Parco di Masino a Caravino o la Palazzina Marone Cinzano di Torino, solo per citarne alcuni.

Passando alla Liguria, la regione con capoluogo Genova mette a disposizione 25 luoghi, come l’Abbazia di San Fruttosio a Camogli, la Casa Carbone a Lavagna e Palazzo Doria de Ferrari Galliera.

Questo numero sale a 50 se parliamo poi dei luoghi da visitare in Emilia Romagna, come il Complesso di San Martino a Bologna, la Torre Campanaria a Pieve di Cento o il Parco delle Sculture all’aperto di Santa Sofia. In Veneto invece, con 45 luoghi Fai, ospiterà i suoi visitatori a Palazzo Bembo (Belluno), nella Grotta Termale naturale di Sant’Elena a Battaglia Terme e nella Villa dei Vescovi a Luvigliano di Torreglia.

Per quanto riguarda i 26 siti del Friuli-Venezia Giulia, questi sono ad esempio il Palazzo Torriani di Gradisca d’Isonzo, il Teatro San Giorgio di Udine e il Convento di Sant’Antonio a Gemona del Friuli.

Infine il Trentino-Alto Adige: in questa regione il FAI mette ha scelto 16 luoghi, come la Chiesa di San Giorgio a Castello di Fiemme, il Castel Noarna a Nogaredo e il Castello di Avio a Sabbionara D’Avio.

Giornate Fai 2019 | Luoghi al Centro

Per quanto riguarda le regioni centrali della penisola, come non iniziare con Roma, la Città Eterna che in quanto a bellezza ha ben pochi rivali (se ne ha). Nella capitale il Fai renderà accessibili 6 siti: parliamo ad esempio del Parco Villa Gregoriana e del Palazzo della Rovere.

Salendo dal Lazio all’Umbria poi, questa regione apre le porte di 38 luoghi. Sarà infatti possibile visitare i Ruderi della Chiesa della Madonna del Latte, l’Urvinum Hortense di Cannara e il Palazzo Alberici.

65 i luoghi Fai scelti in Abruzzo, come La via dei Pescatori di Ortona, l’acquedotto romano ipogeo di San Salvo e l’Area Archeologica delle Terme Romane di Vasto; 75, quindi 10 in più, quelli invece scelti nelle Marche, come il Mercato delle Erbe, il Castello di Sirolo e la Dimora Privata ad Ascoli Piceno.

Infine, in Toscana, imperdibili sono il Cenacolo di Andrea del Sarto a Firenze, il Borgo di Roccalbegna e il Cisternone di Livorno del Poccianti.

Giornate Fai 2019 | Luoghi al Sud

Infine il Sud. A Napoli, capoluogo partenopeo ricco di fascino e bellezza, il Fai ha selezionato per le giornate di questa primavere 2019 17 luoghi come ad esempio il Parco e la Tomba di Virgilio, la Crypta Neapolitana, il Parco letterario di Nisida o la villa di Livia a Pozzuoli.

Scendendo più sotto, in Molise, questa regione ha reso accessibili 6 luoghi e inserito una visita interamente dedicata ad Isernia. In Puglia, invece, 12 siti – come il Palazzo dell’Acquedotto pugliese ad Altamura, la Necropoli di San Magno, la Chiesetta Neviera a Corato, il Palazzo Messere e le dimore in via degli Angeli a Giovinazzo.

Tra i luoghi scelti dal Fai, poi, non poteva certo mancare Matera, la Capitale Europea della Cultura 2019. In questa splendida località della Basilicata è stata in particolare organizzata la visita intitolata “Sassi e set – Un percorso nei luoghi del cinema d’Autore”. Ma non solo, perché qui il Fai ha scelto anche altri 20 luoghi.

37 sono invece i siti a cui l’iniziativa del Fai aprirà le porte in Calabria, come il Castello Angioino Normanno di San Giorgio Morgeto, le botteghe artigiane di Badolato, Filadelfia (la città dell’utopia) e le quattro Chiese.

La Sicilia, invece, mette a disposizione ben 116 luoghi. Solo per citarne qualcuno, il Giardino della Kolymbethra, la Chiesa e il Convento di San Bonaventura e il Bastione degli Infetti a Catania.

In Sardegna, infine, 6 luoghi saranno la meta dei visitatori per le giornate del Fai della primavera 2019, come le Saline Conti Vecchi ad Assemini, il Museo a cielo aperto “Maria Lai”, l’area dell’ex Artiglieria di Nuoro.

È comunque possibile scoprire tutti i luoghi aperti per le giornate Fai della primavera 2019 consultando il sito ufficiale dell’organizzazione.