Me

ESCLUSIVO TPI – Nella chat dei neofascisti la strage in Nuova Zelanda in diretta minuto per minuto: “È iniziata la rivoluzione ariana”

Immagine di copertina

Una lunga pagina di “archivio web”, ancora online e facilmente raggiungibile conoscendo solo alcune regole di base del “deep web”.

>>> ESCLUSIVO TPI – Nella chat “privata” dei fascisti l’annuncio della strage in Nuova Zelanda 23 minuti prima dell’attentato: e nessuno ha fatto niente

Dalla redazione di TPI siamo entrati così nella chat di 8chan. Ed è qui che un utente ufficialmente “anonimo”, il cui IP è stato geolocalizzato proprio a Christchurch, in Nuova Zelanda, ha annunciato l’inizio della strage.

“Beh,ragazzi, è ora di smettere di fare shitposting e di entrare in azione. Porterò avanti un attacco contro gli invasori, e vi farò vivere in diretta l’attacco via Facebook. Il link di Facebook è qui sotto. Quando leggerete questo significa che sto per andare in diretta: https://www.facebook.com/brenton.tarrant.9

Continua sotto la foto

L’autore è, con ogni probabilità, Brenton Tarrant in persona, la “mente” degli attacchi alle moschee di Christchurch. “È stato un lungo viaggio e nonostante siate delle checche inutili e degenerate, siete i migliori compagni che si possono desiderare”.

Continua sotto la foto

Più sotto “i collegamenti ai miei miei scritti”. Quindi l’appello a quelli che possiamo definire, a tutti gli effetti, i “camerati” di Tarrant: “Fate la vostra parte diffondendo il mio messaggio, facendo meme e shitposting come fate normalmente”.

Messaggio finale: “Se non sopravvivo all’attacco, addio, che dio vi benedica. Ci vediamo tutti sul Valhalla”.

Il riferimento alla montagna sacra per i devoti di Odino non è ovviamente casuale. Tutto il manifesto di Tarrant è intriso di messaggi e riferimenti alla sottocultura della destra alternativa.

E non a caso la password creata dai camerati di Tarrant per “difendere” lo scritto e il video della strage di quello che è stato fin da subito definito “un eroe” è stata, per i file caricati su mega links, “sargon won”.

Siamo al cospetto di chi ha preso la famosa “pillola rossa” di Matrix, quella che consente a Neo di aprire gli occhi sulla verità. Ed è per questo motivo che in molti non stanno seguendo la diretta su Facebook, una “trappola sionista”, ma hanno fatto rimbalzare il video su questa chat del “web parallelo”.

8 chan è un’evoluzione di 4chan, il luogo virtuale in cui è nato l’Alt-right movement, gruppo che sul web ha sostenuto la candidatura di Donald Trump alle presidenziali del 2016. E non è un caso che il killer di Christchurch abbia preso proprio il miliardario americano come modello rivoluzionario (e non politico).

E Sargon of Akkad, nome che fa riferimento al re dell’antico Impero accadico, è stato uno dei “gruppi hacker neofascisti” di riferimento per l’Alt-right movement.

Ed è qui, su questo gruppo, che – come detto – il video della strage è stato trasmesso in diretta. E, mentre la gente moriva sotto i colpi dell’attentatore, i neofascisti virtuali hanno iniziato a salvare le immagini, a produrre meme, a scaricare – “per proteggere” – il manifesto di Tarrant.

Soprattutto, su 8chan è andata in scena una vera e propria festa. La strage è stata accolta come “l’inizio della rivoluzione”. Il volto più “memizzato” quello di Adolf Hitler.

Continua sotto le foto

>>> “Sono un fascista”: l’auto-intervista del killer della strage in moschea

>>> Attentati in Nuova Zelanda, l’attentatore: “Sostegno all’italiano Luca Traini”

>>> Nuova Zelanda, il manifesto dell’attentatore: dietro di lui la mano dei Cavalieri templari