Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Selvaggi Lucarelli contro il “moralizzatore tatuato” Fabrizio Corona e l'”indifferente” Alessia Marcuzzi

L'opinionista commenta la vicenda che ha avuto come protagonista il frontman dei Pooh, naufrago sull'Isola dei Famosi

Immagine di copertina
Selvaggia Lucarelli, Fabrizio Corona, Alessia Marcuzzi

A mettere un punto alla telenovela Fabrizio Corona-Riccardo fogli che da giorni, settimane intasa le pagine dei giornali, è Selvaggia Lucarelli, ancora una volta. L’opinionista parla della partecipazione del frontman dei Pooh all’Isola dei Famosi come di qualcosa di molto triste per la fine della carriera dell’artista, che di certo però non meritava di essere insultato in diretta tv da Fabrizio Corona.

No, Fogli non meritava affatto quelle scene, “specie in questa versione da frate stanco e imbolsito, costretto a spaccare cocchi pur di non raschiare il fondo del barile nella carriera di ogni artista che fu: andare dalla D’Urso a litigare per l’eredità di un trisavolo. O a Sanremo per un duetto con Anna Tatangelo. O, peggio, essere nominati commissari per l’Unesco da Di Maio”, continua ironica e pungente come sempre Lucarelli.

La vicenda ha avuto il suo “triste epilogo” durante la diretta dell’Isola di lunedì. Selvaggia Lucarelli rimette insieme tutti i pezzetti della storia, ricostruisce la vicenda minuziosamente e così descrive la “geniale” trovata degli autori del programma: “Serve qualcuno di autorevole, credibile, saggio, coscienzioso che dall’alto della sua rettitudine, della sua integrità, del suo rigore possa fare la morale agli altri. Che possa redarguire il prossimo. Scartati i nomi di Piercamillo Davigo e di Gino Strada perché avevano degli impegni familiari, la scelta è naturalmente ricaduta su Fabrizio Corona”. Naturalmente, sì.

Come spiega Selvaggia Lucarelli, durante la penultima puntata dell’Isola viene mandato in onda un video registrato “in cui il moralizzatore tatuato comunica a Riccardo Fogli che è cornuto”. La moglie l’ha tradito per quattro anni, ma deve accettarlo, anche perché lui ha in mano le prove della presunta relazione con tale Giampaolo Celli.

E qui Lucarelli sferra un sonoro attacco alla padrona di casa: Alessia Marcuzzi. Perché? È presto detto. La presentatrice di Canale 5, infatti, sta ferma, muta, imbambolata mentre assiste alla scenetta pietosa.

“Se Corona avesse detto ‘Hey Riccardo Fogli, ti ho visto adescare una dodicenne al concerto di Emma Marrone’, avrebbe fatto la stessa faccia, la faccia del cane che guarda la pioggia dalla finestra”, scrive Lucarelli. Ma quello che interessa ancor di più l’opinionista è quanto accade dopo, ovvero la catena di eventi al limite dell’esilarante.

Riccardo Fogli “passa dall’essere uno sbiadito cantante anni anni ’70 all’essere in coda per la beatificazione”. In casa Mediaset si scatena il pandemonio: “Piersilvio Berlusconi grida ‘Insomma, quell’uomo potrebbe essere mio padre!’, poi gli rammentano che il padre, all’isola, altro che cornuto, si sarebbe trombato pure Paolo Brosio, ma comunque decide che Fogli è stato umiliato e i colpevoli vanno puniti”.

A quel punto succede che, in effetti, qualcuno viene punito e quel qualcuno sono alcuni autori del programma. Tanti saluti e via: la porta di Mediaset si chiude per loro. Nel frattempo, però, Fabrizio Corona non sta di certo con le mani in mano. E no, spiega ancora la Lucarelli, “convinto di vivere nel 1945 e di essere l’ imperatore Hirohito che annuncia la resa del Giappone, fa una conferenza stampa per comunicare al paese che lui per Riccardo Fogli non ha dormito tre notti e gli chiede scusa, quindi nel giro di due mesi ha chiesto scusa a Ilary Blasi, a Silvia Provvedi, a Francesco Totti, a Riccardo Fogli e ora torna ospite dalla D’Urso dopo anni di maretta tra i due perché, come specificato dalla conduttrice, ‘Mi ha chiesto scusa”'”.

Ma Selvaggia nel lunghissimo post riassuntivo della telenovela torna a dirne due alla Marcuzzi, “una che l’ultima volta che ha preso posizione su qualcosa ha detto ‘Mamma, io la mia cameretta la dipingerei di rosa’”.

La padrona di casa, infatti, è stata presa di mira da spettatori e giornalisti e non è uscita benissimo dalla puntata del confronto Corona-Fogli. Per questo, l’ultima diretta si è aperta in modo assolutamente anomalo. Niente sigla, manco fosse lutto nazionale, niente applausi: “Un’onda più grande di noi ci ha travolto la scorsa settimana. Chiedo scusa a nome mio e a nome della trasmissione perché abbiamo sorpassato un limite”, dice lei con la faccia da cane bastonato.

“Nel frattempo ha pianto pure un po’, così ha dimostrato di avere un cuore”, aggiunge Lucarelli nella descrizione. Dal canto suo, il povero Fogli è rimasto muto, “anche perché gli autori devono avergli detto ‘Zitto che se replichi poi la Marcuzzi deve improvvisare e sull’improvvisazione la Marcuzzi va forte quanto Magalli nel krav maga’”, scrive la Selvaggia più famosa d’Italia.

L’opinionista tira poi le fila della vicenda: “Lì è finita la saga più trash degli ultimi anni di tv. Del resto, Fogli lo sa, non abbiamo mai trovato risposta al famoso quesito dei Pooh ‘Chi fermerà la musica’, speriamo arrivi almeno qualcuno che fermerà Corona, prima o poi. Ci accontenteremmo”.