Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

“Salvini razzista? No, piuttosto è xenofobo che vuol dire altro”: Francesco De Gregori smonta Romano Prodi

Il cantante: "La semplificazione di problemi come immigrazione o globalizzazione mi sembra sbagliata"

Immagine di copertina
Il musicista romano ha in programma una serie di concerti

“Più che razzista, definirei Salvini xenofobo, che vuol dire un’altra cosa anche se i due termini vengono spesso accostati e confusi”. Francesco De Gregori si racconta in una lunga intervista a Vanity Fair” dove “bacchetta” chi fa uso di generalizzazioni: il riferimento è a Romano Prodi che aveva definito il vicepremier leghista un “razzista”.

“La semplificazione di problemi come immigrazione o globalizzazione mi sembra sbagliata”, spiega il cantautore romano, “E l’uso di una parola così netta, che ha un significato così variabile nella storia del mondo, che si applica a situazioni diversissime, dal razzismo degli Stati dell’America profonda all’antisemitismo europeo del ’900, mi sembra superficiale come spesso è stato l’uso dell’aggettivo fascista o comunista attribuito al nemico politico solo per evitare di scendere sul piano della contestazione critica”.

Nel corso dell’intervista al settimanale di Condé Nast l’artista ci tiene a specificare come sia stato sempre lontano dalle etichette e dal conformismo: “La storia siamo noi, Viva l’Italia. Le ho scritte, certo. Prendendo però sempre le distanze da una certa mitologia della sinistra. Non avrei mai scritto una canzone su Guevara o su Carlo Giuliani. Non sono certo un reazionario, ma ho sempre diffidato della superideologizzazione. (…) Da ragazzo, quando mi chiedevano per chi voti, lo dicevo. Quella formula: ‘Il voto è segreto’, mi sembrava il manifesto del doroteismo”.

E aggiunge: “Non mi piace parlare di politica accorciando i ragionamenti e tagliando le cose in maniera schematica come i politici di professione, anche per un ovvio ritorno elettorale, fanno regolarmente. Le ricette suggerite e gli slogan sono quanto mai semplicistici. E io alla semplicità, nella vita, aspiro davvero. Ma nella schematizzazione della politica non mi riconosco. La politica è cosa complicata e su certi temi vorrei sentire ragionare con assunti che vadano oltre lo slogan”.

De Gregori, 68 anni il prossimo 4 aprile, rassicura anche i suoi fan in quanto non avrebbe intenzione di ritirarsi dalle scene: “L’idea di essere su un palco da più di 50 anni non mi terrorizza, ma sicuramente mi stupisce”.

“Che str***ata, sarà la fine della musica”: De Gregori ‘distrugge’ Mogol (e Salvini)