Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Etiopia: le prime immagini dal luogo del disastro aereo

Immagine di copertina
Credit: Michael TEWELDE / AFP

Domenica 10 marzo 2019 un aereo della Ethiopian Airlines è precipitato poco dopo essere decollato dall’aeroposto di Addis Abeba. A bordo c’erano 157 persone, tutte morte  [cosa è successo].

Tra le vittime ci sarebbero anche 8 italiani, tra cui un Sebastiano Tusa, un assessore della Regione Sicilia.

L’aereo, un Boeing 737, era diretto a Nairobi, in Kenya, ed è spartito dai radar 6 minuti dopo il decollo.

Secondo il sito specializzato Flightradar24, dopo il decollo il volo aveva “una velocità  verticale instabile”: in attesa di conoscere le cause dello schianto, questa informazione sembra indicare che l’aereo avesse dei problemi.

L’aereo è dello stesso modello di quello della Lion Air precipitato il 29 ottobre 2018 in Indonesia: in quel caso i morti furono 189, tra cui l’italiano Andrea Manfredi.

Nella lista dei passeggeri fornita dalla Ethiopian Airlines ci sono  32 kenyani, 18 canadesi, 9 etiopi, 8 cinesi, 8 italiani, 8 statunitensi, 7 britannici, 7 francesi, 6 egiziani, 5 olandesi, 4 di passaporto Onu, 4 indiani, 3 russi, 2 marocchini, 2 israeliani, un belga, un ugandese, uno yemenita, un sudanese, un togolese, un mozambicano e un norvegese.

Di seguito le prime immagini video e foto sul luogo dell’incidente aereo.

 

Credit: Michael TEWELDE / AFP

Etiopia aereo precipitato

Credit: Afp/Xinhua/Ethiopian Airlines