Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

L’ultimo video di Daniele Nardi dal campo base sul Nanga Parbat

In queste immagini l’ultimo video pubblicato dall’alpinita Daniele Nardi dal campo base sul Nanga Parbat.

Il video risale allo scorso 21 febbraio. Nardi con il compagno di scalata, Tom Ballard, sono poi partiti nel tentativo di arrivare sulla vetta della “montagna maledetta”.

Le loro tracce si sono perse il 24 febbraio. Oggi, 9 marzo, la drammatica conferma: i corpi individuati sullo Sperone Mummery, a 5.900 metri di altitudine, sono quelli dei due alpinisti.

Le ricerche sono quindi terminate: non sarà possibile recuperare le salme di Daniele Nardi e Tom Ballard.

Le foto delle sagome erano state ottenute dal telescopio dell’alpinista basco Alex Txikon, messosi a disposizione con la sua spedizione per portare soccorso ai due alpinisti che avevano provato a salire sulla nona montagna più alta del mondo, in Pakistan.

Solo gli effetti personali e le attrezzature sono state recuperate dal campo base: il materiale verrà recapitato quanto prima alle famiglie e la spedizione è stata chiusa.

Impossibile raggiungere in sicurezza il luogo dove sono stati individuati i due corpi.

Daniele Nardi chi è | Biografia

“La vita è avere coraggio e affrontare l’ignoto”: questa è la citazione con la quale Daniele Nardi si vuole presentare al mondo, prendendo spunto dal film I sogni segreti di Walter Mitty.

Nato il 24 giugno 1976 a Sezze, Daniele Nardi è noto per essere il primo alpinista, nato al di sotto del Po, ad aver scalato l’Everest e il K2, le due vette più alte del mondo.

Daniele Nardi è stato ambasciatore per i diritti umani nel mondo: ha sostenuto progetti di solidarietà in Nepal e Pakistan e, durante ogni spedizione, portava con sé l’Alta bandiera dei diritti umani – firmata da oltre 20 mila studenti incontrati nelle scuole del Lazio – da far sventolare sulle alte vette delle montagne.