Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Crolla un altro tabù: il mondo del porno non è più solo maschile, e questi dati di Pornhub lo dimostrano

Immagine di copertina

Nell’immaginario di molti, vedere i porno è ancora una cosa per soli uomini. Ma i dati dimostrano il contrario: secondo le statistiche, da cinque anni il numero di consumatrici di pornografia è in costante aumento. La fine del baluardo machista è vicina?

A certificare questa tendenza è Pornhub,  tra le piattaforme maggiormente conosciute del settore, che ha cominciato a pubblicare delle stime sul traffico femminile dal 2014. Dagli insights  questo pubblico è in ascesa: le donne consumano sempre di più video pornografici. Il report del 2018 ha evidenziato come le donne costituiscano ormai il 29 per cento dell’utenza, il 3 per cento in più rispetto all’anno precedente.

Non viene presa in considerazione solo la base annuale, ma anche il consumo di porno in occasione di eventi specifici come il Superbowl o il Festival di Sanremo, o la Festa della donna. Secondo la rilevazione, l’8 marzo sul motore di ricerca del sito c’è stato un vertiginoso aumento dell’espressione Womens Day. Non solo, Pornhub ha registrato un’impennata di tutti i termini legati al piacere femminile, come Eating pussy o Pussy licking, e addirittura qualcuno ha cercato la parola Femminist.

Addirittura, sono nate sul sito delle nuove categorie: Popular with women a dicembre del 2017 è andata a sostituire Friendly with female. A differenza di quest’ultima, che includeva le preferenze presunte delle donne, la nuova sezione racchiude i contenuti più cliccati da parte del sesso femminile. Dal lancio della categoria Popular with women il tempo dedicato dalle donne ai video hot è aumentato di circa un minuto. Ogni sessione ora dura in media 10 minuti e 30 secondi contro i 9 minuti e 36 secondi del periodo precedente.

Non si parla solo di visualizzazioni, ma anche di empowerment femminile nel mondo del porno in generale. Per esempio, è tra gli obiettivi anche di operatori del settore come la regista svedese Erika Lust che da anni lavora per creare contenuti pornografici dedicati “a lei” e ultimamente ha deciso di trasformare in cortometraggi le fantasie sessuali che alcune donne le hanno rivelato anonimamente tramite il sito xconfessions.com.

> Qui l’opinione: “Cambiamo il modo di fare porno o i nostri figli saranno degli stupratori”

La presenza delle donne in questo mondo spesso chiuso viene anche reclamata durante festival e kermesse internazionali, un video spot dell’evento porno che richiama migliaia di persone a Barcellona ogni anno punta il dito contro l’attuale cultura sessista e maschilista della pornografia.

L’emancipazione ormai passa (anche) dal mondo del porno.

> LEGGI ANCHE: Gli effetti del porno sul nostro cervello