Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Firestarter: la storia dietro il più grande successo dei Prodigy

Immagine di copertina

THE PRODIGY FIRESTARTER – I Prodigy hanno segnato la musica techno ed elettronica inglese con album che sono entrati nella storia di quei generi musicali. Con le loro canzoni, in particolare quelle degli anni Novanta, hanno contribuito a diffondere la musica proveniente dalla cultura dei rave. Inoltre la band britannica è stata tra i maggiori interpreti del big beat, insieme ad altri mostri sacri come i Chemical Brothers, Fatboy Slim, The Crystal Method.

LEGGI ANCHE: The Prodigy: storia, album e canzoni del gruppo britannico

Il 4 marzo 2019 i Prodigy hanno perso la loro voce, dopo la morte improvvisa del frontman Keith Flint. A trovarlo inizialmente senza vita nella sua casa dell’Essex è stata la polizia locale. Poche ore dopo la conferma è arrivata anche sul profilo Instagram ufficiale della band: “La notizia è vera, non possiamo credere che lo stiamo annunciando davvero, ma nostro fratello Keith si è suicidato questo weekend. Siamo sconvolti e fott******** arrabbiati, confusi e col cuore spezzato. Riposa in pace fratello”.

Un look inconfondibile, sonorità che mescolano insieme techno e rock, i Prodigy hanno pubblicato il loro ultimo album nel 2018, intitolato No turists. Ma quello che ha dato ai Prodigy maggior successo è sicuramente The Fat of the Land, con il quale sono stati riconosciuti tra i grandi gruppi che hanno animato il genere del big beat inglese.

LEGGI ANCHE: The Prodigy, le cinque canzoni più belle e famose del gruppo

All’interno di quel disco è contenuta la loro canzone più popolare, Firestarter, del 1997. Un brano che fece discutere, per via del suo testo violento e delle immagini del video, girato nella stazione abbandonata della metro di Londra di Aldwych.

In un podcast uno dei leader del gruppo, Liam Howlett, ha spiegato com’è nato questo loro grande successo: “Volevamo fare qualcosa di diverso, per staccarci dalla scena rave”.

Firestarter è influenzato dalle musicalità dei The Breeders, e in particolare da SOS, dato che Howlett era un grande fan di Kim Deal. Firestarter è stato anche il primo singolo numero uno del gruppo nella classifica britannica. Ha immediatamente cambiato l’immagine dei Prodigy, apparsi come più sfacciati, con quel mix di rave e rock, più di qualsiasi cosa avessero pubblicato prima.

La canzone dei The Prodigy contiene versi molto forti, come “sono la paura dipendente, un pericolo illustrato” e: “io sono il dolore che hai assaggiato, è caduto in stato di ebbrezza”. Un testo forte, costato numerose critiche. “Tutta la rabbia nei dischi nasce dalla battaglia con me stesso, per cercare di migliorare le canzoni stesse”, ha dichiarato Howlett in un’intervista del 2004 al The Guardian.

The Prodigy Firestarter | Testo

I’m the trouble starter, punkin’ instigator
I’m the fear addicted, a danger illustrated
I’m a firestarter, twisted firestarter
You’re a firestarter, twisted firestarter
I’m a firestarter, twisted firestarter
I’m the bitch you hated, filth infatuated, yeah
I’m the pain you tasted, fell intoxicated
I’m a firestarter, twisted firestarter
You’re the firestarter, twisted firestarter
I’m the self inflicted, mind detonator, yeah
I’m the one infected, twisted animator
I’m a firestarter, twisted firestarter
You’re the firestarter, twisted firestarter
I’m a firestarter, twisted firestarter starter