Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Invita 2 donne al karaoke, le stupra, le uccide e dà i resti in pasto ai cani

Immagine di copertina

Lo stupratore seriale 32enne Alexander Maslennikov torna a colpire.

Questa volta ha attirato due sue amiche a un karaoke-bar e una pizza nella sua casa di  Volzhsky, in Russia. Le violenze sono iniziate successivamente: l’uomo ha torturato le due ragazze, poi le ha uccise, fatte a pezzi e poi, non contento, ha dato i loro corpi in pasto ai cani in una foresta.

Per  questi due omicidi Alexander è stato ora condannato a 23 anni di carcere: 10 da trascorrere in cella, i rimanenti in una speciale colonia penale. L’opinione pubblica parla di una “pena troppo mite”.

Tra l’altro, si tratta di reati reiterati: l’uomo aveva già compito una serie di violenze sessuali per le quali aveva trascorso complessivamente 11 anni in prigione. Le due ragazze, Daria Labutina, 29 anni, e Olga Shaposhnikova, 28, lo avevano però conosciuto solo dopo la scarcerazione e non sapevano nulla del suo passato.

Durante la cena, con una scusa Alexander ha seguito Daria in bagno e lì l’ha violentata e uccisa, tagliandole la gola e accoltellandola varie volte. Poi l’uomo è tornato dall’altra, Olga, ignara di tutto, e ha cominciato a cenare con lei tentando di baciarla. La ragazza si rifiutava e lui ha cominciato a bloccarla.

Correndo in bagno, Olga si è accorta del corpo privo di vita dell’amica. Senza avere neanche il tempo di riprendersi dallo shock, Alexander l’aveva già l’aveva legata e imbavagliata: e mentre lei, terrorizzata, tentava di supplicare pietà, Alexander, fumando e bevendo, la violentava schernendola e torturandola per poi strangolarla e accoltellarla ripetutamente.

I corpi delle ragazze sono stati smembrati con un’ascia e un tritacarne e dati in pasto ai cani.

Davanti ai giudici l’uomo ha provato a difendersi e a implorare perdono, così come aveva fatto per tutti gli stupri precedenti.

> LEGGI ANCHE: Cosa spinge una persona a commettere uno stupro