Me

“Per sterminare la popolazione puntate sui novax”: gli antivaccinisti in un videogioco sulle pandemie

Immagine di copertina

La discussione sui vaccini e sulla questione novax si è spostata dai social e dai media tradizionali al mondo dei videogiochi. E non hanno un ruolo così positivo.

> Sassari, mamma novax obbligata a vaccinare la bimba dopo l’intervento dei carabinieri

Gli antivaccinisti sono stati inseriti da Plague.inc nel suo gioco di strategia il cui obiettivo è dare vita ad una pandemia che porti all’estinzione di tutto il genere umano.

La decisione di inserire anche i novax tra i personaggi del videogioco è stata presa per soddisfare le richieste di tutti coloro che hanno firmato una petizione lanciata su Change.org. 

Secondo le 20mila persone che hanno sottoscritto la richiesta sul sito, gli antivaccinisti dovrebbero essere uno degli strumenti a disposizione dei giocatori per raggiungere l’obiettivo.

Gli ideatori del gioco, della Endemic Creation, avevano promesso di inserire nel loro ultimo prodotto anche gli antivaccinisti se si fossero raggiunte le 10mila firme: l’obiettivo non solo è stato raggiunto, ma è stato anche largamente superato.

“Ok ok voi avete parlato e noi vi abbiamo ascoltato. Inizieremo ad occuparci degli anti vax molto presto”, si legge sul profilo Twitter della compagnia, che commenta così il numero di firme raccolte su Change.org. 

Come funziona il gioco – L’obiettivo del videogioco è scatenare una pandemia che si sparga per tutto il globo fino a sterminare l’intero genere umano.

Per portare a termine la missione, il giocatore può scegliere con che tipo di microrganismo scatenare la pandemia, l’area del pianeta da cui si desidera partire e quali caratteristiche conferire alla malattia, una volta che i casi e le morti aumentano, determinandone la resistenza agli antibiotici fino alla capacità di trasmissione.

È qui che entrano in scena gli antivaccinisti, che dovrebbero essere tra i fattori che contribuiscono alla diffusione del virus letale. Questa almeno la versione più accreditata: per il momento i creatori del videogioco non hanno rilasciato dichiarazione in merito.