Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

“I libri sono rifiuti ingombranti”: bufera sulla campagna ecologista di un Comune pugliese

Immagine di copertina

“I libri sono rifiuti ad alto impatto ambientale”. Lo dice la società ASIPU che gestisce la raccolta dei rifiuti a Corato, comune in provincia di Bari.

Le pagine di un romanzo vengono considerate come roba da evitare, per prevenire l’inquinamento. Quasi fosse una bottiglia di plastica o una lattina di Coca-Cola messe al bando dalle amministrazioni comunali più sensibili ai temi ambientali.

Il comune pugliese, che dopo le dimissioni ad ottobre 2018 dell’ex sindaco di centro destra, è ora governato dal commissario prefettizio Rossana Riflesso, ha lanciato la campagna di comunicazione con un messaggio che suona proprio come “libro uguale rifiuto”. Le critiche e le indignazione sui social network non hanno tardato ad arrivare e ora non si fermano più.

A condividere il manifesto incriminato su Facebook è stata Mariella Sivo, medico e attivista dei Presidi del Libro di Corato. Ed è così che la denuncia è rimbalzata sul social network più popolare in Italia, fino ad arrivare sui profili di scrittori baresi come Marcello Introna e Gabriella Genisi.

Alcuni dei messaggi sono molto forti: “Gravissimo”, “Pubblicità regresso”, “Delinquenti”, si legge sui social cercando l’hastag #Corato.

Asipu dovrebbe sapere qual è l’impatto ambientale di un libro e quale quello di un tablet, che rientra nella categoria RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) perché è composto da una serie di frazioni merceologiche diverse, quelle si, difficili e costose nello smaltimento e ad altissimo impatto ambientale.

Queste apparecchiature infatti sono difficili da riparare e quindi riusare, mentre la carta, materiale di cui è fatto un libro, è completamente riciclabile. Proprio il libro è un bene durevole che può essere utilizzato più volte, da persone diverse, arricchendo quasi sempre chi ne fruisce.

Se c’è un rifiuto, a Corato è stato proprio il rifiuto della cultura.

> LEGGI ANCHE: Come finire 200 libri all’anno (basta smettere di usare i social)