Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

La scomparsa di Stephanie Mailer: la recensione di TPI

Immagine di copertina

La scomparsa di Stephanie Mailer recensione | Di cosa parla

LA SCOMPARSA DO STEPHANIE MAILER RECENSIONE – Un libro che ho letto nemmeno in un giorno e mezzo è “La scomparsa di Stephanie Mailer” di Joel Dicker.

Come gli altri libri che ha scritto anche questo passa da presente a passato molto rapidamente, ma se siete dei fedeli di Dicker non avrete nessun problema a entrare nell’ingranaggio, probabilmente siete ben oliati.

> QUI LE RECENSIONI DI TPI

Fine luglio del 1994, la cittadina di Orphea, nello stato di New York, si prepara a inaugurare la prima edizione del festival teatrale, ma un omicidio sconvolge i cittadini.

Il sindaco viene ucciso in casa insieme alla moglie e al figlio. Nelle vicinanze viene trovato anche il cadavere di una ragazza, Meghan, uscita di casa per fare jogging.

Il caso viene affidato e risolto da due giovani e ambiziosi agenti, arrivati per primi sulla scena del crimine: Jesse Rosenberg e Derek Scott.

A metà giugno del 2014 Jesse Rosenberg, capitano di polizia, a una settimana dalla pensione viene avvicinato da Stephanie Mailer, la giornalista gli dice che il caso del 1994 non è stato risolto: la persona incriminata nel 1994 è innocente.

> QUI LA RUBRICA DI TPI: UN LIBRO DI CORSA

La donna non ha il tempo per dargli le prove perchè pochi giorni dopo viene denunciata la sua scomparsa.

Che cosa è successo a Stephanie Mailer? Cosa aveva scoperto?

Se Jesse e Derek si sono sbagliati sul colpevole vent’anni prima, chi è l’autore di quegli omicidi?

Cosa è davvero successo la sera del 30 luglio 1994 a Orphea?

Derek, Jesse e una nuova collega, la vicecomandante Anna Kanner, dovranno riaprire l’indagine, immergersi nei fantasmi di Orphea e nei loro.

Mi ha sorpreso molto scoprire che un autore riesce, con il suo terzo libro thriller, a mantenere l’emozione, l’adrenalina e a continuare a far immedesimare il lettore come se fosse la prima volta. Per me è stato così e spero che Joel Dicker continui a sfornare libri.

A cura di Claudia Nanni

> QUI LA RUBRICA DI TPI: UN LIBRO DI CORSA