Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Reddito di cittadinanza: ecco come funziona

Immagine di copertina
Credit: Ansa

REDDITO DI CITTADINANZA COME FUNZIONA – Il reddito di cittadinanza, la nuova misura di sostegno al reddito promossa dal M5s e approvata nel “decretone” dal governo giallo-verde, partirà dal 1 aprile 2019.

Il 4 febbraio 2019 il ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico Luigi Di Maio ha presentato il sito e la card del reddito di cittadinanza: se il primo servirà – a partire dal 6 marzo – per inviare telematicamente la richiesta per beneficiare del sussidio, la seconda è il mezzo attraverso cui spenderlo.

Qui alcuni link utili sul reddito di cittadinanza:

Reddito di cittadinanza | I requisiti

– Essere cittadini italiani, europei o lungo soggiornanti e risiedere in Italia da almeno 10 anni, di cui gli ultimi 2 in via continuativa

– ISEE inferiore a 9.360 euro annui

– Patrimonio immobiliare, diverso dalla prima casa di abitazione, fino ai 30.000 euro annui

– Patrimonio finanziario non superiore a 6.000 euro che può arrivare fino a 20.000 per le famiglie disabili

– 255.000 nuclei familiari con disabili riceveranno il RdC

Reddito di cittadinanza | Come si richiede

– Il reddito di cittadinanza si potrà richiedere sia direttamente all’ufficio postale che per via telematica oppure recandosi al Caf

– L’INPS verifica se si è in possesso dei requisiti

– Il Reddito di Cittadinanza viene erogato attraverso una normalissima prepagata di Poste Italiana e non sarà possibile utilizzarla, ad esempio, per il gioco d’azzardo

– Dopo l’accettazione, il beneficiario verrà contattato dai Centri per l’impiego per individuare il percorso di formazione o di reinserimento lavorativo da attuare

Reddito di Cittadinanza | Le regole da seguire

“I beneficiari del Reddito di cittadinanza non saranno soli”. Il governo ha annunciato trionfalmente di aver messo in campo “una squadra che indirizzerà i beneficiari tenendo conto delle singole esigenze”:

– Se il richiedente è “adeguatamente formato”, dovrà siglare il Patto per il Lavoro con un Centro per l’Impiego o un’Agenzia per il Lavoro

– Se ha bisogno di ulteriore formazione, siglerà il Patto per la Formazione con Enti di formazione bilaterale, Enti interprofessionali o Aziende

– Se non è in condizione di lavorare, siglerà il Patto per l’Inclusione Sociale che coinvolgerà sia i servizi sociali che i Centri per l’Impiego

– Nell’ambito del Patto per il Lavoro e del Patto di Inclusione, i beneficiari saranno tenuti a partecipare a progetti utili alla collettività predisposti dai comuni fino ad 8 ore settimanali.