Me

Michele Riondino, tutto quello che c’è da sapere sull’attore italiano

Immagine di copertina

Michele Riondino chi è | Carriera | Film | Sanremo 2019 | Fidanzata | Social

MICHELE RIONDINO CHI È – Tra il 2018 e il 2019 la sua popolarità è cresciuta moltissimo, grazie al ruolo nella fiction di successo de “Il giovane Montalbano”, nel quale interpreta il commissario Salvo Montalbano nei primi anni a lavoro a Vigata.

Michele Riondino, attore nato a Taranto ma residente da anni a Roma, grazie al film di Rai 1 ha ottenuto molta notorietà, soprattutto nel grande pubblico televisivo. Ma è dal cinema che sono arrivate le più importanti gratificazioni della sua carriera: è grazie al grande schermo infatti che Riondino ha ricevuto una nomination al David di Donatello, oltre che ottenere il ruolo di padrino della 75esima Mostra del Cinema di Venezia, tenutasi nell’estate del 2018.

Nel 2019, invece, è al cinema assieme a Laura Chiatti nel film “Un’avventura”, musical tratto dalle canzoni di Lucio Battisti in sala il 14 febbraio. Il 6 febbraio 2019 Riondino e Chiatti vanno anche come ospiti alla 69esima edizione del Festival di Sanremo.

LEGGI ANCHE: Tutto sul Festival di Sanremo 2019

Ecco tutto quello che c’è da sapere sull’attore italiano.

Michele Riondino chi è | Carriera | Gli inizi

Michele Riondino nasce a Taranto il 14 marzo 1979. Fin da giovane coesistono in lui due grandi passioni: il cinema e la musica. Prova a perseguire il secondo, quello musicale, fondando con alcuni amici una band, “La setta dei poeti estinti”.

Nel frattempo, però, inizia a frequentare alcuni corsi di recitazione e si accorge che è questa la sua strada. Uno dei suoi maestri e Giorgio Pucciarello, baritono ed esperto di musica e spettacolo, tramite il quale riesce a entrare nell’Accademia Silvio D’Amico.

Nel corso di vari incontri e seminari, decide di fondare con alcuni amici la compagnia teatrale “Il Circo Bordeaux”, con cui ottiene i primi ruoli sul palcoscenico, portando in giro per l’Italia alcune opere classiche di grande impatto, come il Macbeth (2000) di Marco Bellocchio o Cani di bancata (2006) di Emma Dante.

Nel frattempo arrivano anche i primi incarichi in televisione: un giovanissimo Riondino appare infatti tra gli alunni di Massimo Lopez nella serie “Compagni di scuola”, nel 2001. Fa un’apparizione anche in Distretto di Polizia, mentre qualche anno dopo, nel 2006, è Tazio nel film “La freccia nera”.

Nello stesso periodo debutta anche al cinema, con un ruolo secondario in Uomini & donne, amori & bugie, esordio alla regia di Eleonora Giorgi.

Michele Riondino chi è | Carriera | Primi successi

Nel 2008, grazie alla sua interpretazione ne Il passato è una terra straniera con Elio Germano ottiene una candidatura ai Nastri d’argento. L’anno dopo è il protagonista, con Isabella Ragonese, in Dieci inverni, con cui vince nel 2010 il Premio Guglielmo Biraghi, destinato alle giovani rivelazioni del cinema italiano.

La grande notorietà arriva però nel 2012 con Il giovane Montalbano, prequel della serie tv con protagonista Luca Zingaretti.

Nel 2012 Riondino viene nominato nella categoria Migliore attore non protagonista per Gli sfiorati, di Matteo Rovere, e l’anno dopo (sempre nella stessa sezione) per Bella addormentata di Marco Bellocchio e Acciaio di Stefano Mordini.

Nel 2014 torna a lavorare con Elio Germano sul set de Il giovane favoloso, biopic su Giacomo Leopardi, in cui Riondino interpreta il migliore amico del poeta, lo scrittore Antonio Ranieri. L’anno dopo è Guiscardo nel film Meraviglioso Boccaccio.

LEGGI ANCHE: Michele Riondino: “Pentito di aver votato M5S”

Michele Riondino chi è | Carriera | Ultimi anni

È per la sua interpretazione nel film cinematografico La ragazza del mondo (2016) che Riondino viene candidato come Migliore attore protagonista ai David di Donatello, al Globo d’oro e come miglior coppia insieme alla co-protagonista Sara Serraiocco ai Ciak d’oro.

Negli ultimi anni, poi, l’attore tarantino ha recitato nel noir Falchi, di Toni D’Angelo, e nella fiction La mossa del cavallo, ispirato ai racconti di Andrea Camilleri, nel ruolo dell’ispettore capo Giovanni Bovara.

Ad agosto 2018 viene scelto come padrino della 75esima Mostra del Cinema di Venezia. Nello stesso anno gira, con Laura Chiatti, il musical “Un’avventura”.

Michele Riondino chi è | Vita privata

Il padre Franco ha lavorato a lungo come operaio dell’Ilva, mentre la madre è casalinga. Cresciuto a Taranto, Riondino lascia ben presto la sua città per trasferirsi a Roma e studiare recitazione.

L’attore è fidanzato con la make-up artist Eva Nestori. I due però non sono sposati: l’attore, anzi, ha più volte dichiarato di non credere nel matrimonio e di voler scegliere la sua compagna tutti i giorni senza nessuna imposizione.

Dal loro amore è nata una figlia, Frida, il cui nome è un chiaro omaggio alla celebre pittrice messicana.

Michele Riondino chi è | Social

L’attore non è molto attivo sui social: al momento risulta un’unica pagina ufficiale, quella Facebook, con oltre 28mila follower. Riondino, però, non la aggiorna da qualche mese.