Me

Francesco Starace: amministratore delegato di Enel | Carriera | Biografia

Immagine di copertina

Classe 1955, romano, 18 anni in Enel e Cavaliere del lavoro. È Francesco Starace, l’Amministratore delegato e direttore generale di Enel S.p.A.

Starace entra in Enel la prima volta nel 2000, per poi ricoprire il ruolo apicale nel 2014, con una riconferma nel 2017.

La nomina è arrivata sotto il governo Renzi, nel maggio 2014. Prima di diventare ad è stato Direttore dell’area di Business power, dal 2002 al 2005 e direttore della divisione Mercato dal 2005 al 2008.

Dal 2008 al 2014 è stato amministratore delegato di Enel Green Power, la società dedicata alle energie rinnovabili. La sua carriera nel campo dell’energia inizia nel gruppo General Electric, per poi passare ad Abb Group e in seguito ad Alstom Power Corporation.

In Abb è stato anche Amministratore delegato. Quella di Starace è una carriera internazionale, che vanta esperienze in numerosi paesi oltre l’Italia, dagli Stati Uniti all’Arabia Saudita, passando per l’Egitto. Dal 2014 è membro dell’Advisory Board del Sustainable Energy 4 All delle Nazioni Unite.

Sempre nell’ambito Onu, dal 2015 fa parte del Consiglio di Amministrazione del Global Compact. La sua esperienza nelle istituzioni internazionali riguarda anche il World Economic Forum, dove ha ricoperto l’incarico di co-presidente dell’Energy Utilities and Energy Technologies Community.

“In un pianeta che ospiterà oltre 9 miliardi di esseri umani entro pochi decenni, la mia sfida come CEO di Enel è rendere il progresso, abilitato dall’energia, più sostenibile”, scrive Starace nella sua presentazione.

Vita privata

Francesco Starace è sposato e ha due figli. Tra le sue passioni c’è il ciclismo e la Roma. È nato a Roma il 22 settembre 1955. Suo fratello Giorgio è un importante diplomatico. Laureato in ingegneria nucleare al Politecnico di Milano nel 1980, Starace ha iniziato da giovanissimo a lavorare come analista alla sicurezza degli impianti elettronucleari di Ansaldo.

Il 31 maggio 2018 il presidente della Repubblica Sergio Mattarella lo ha nominato Cavaliere del Lavoro, per l’impegno e i risultati raggiunti finalizzati al miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro del paese.

Nel novembre 2018 Francesco Starace è stato confermato al secondo posto nella classifica di Top Manager Reputation. Con 68,4 punti l’amministratore delegato di Enel si è posizionato dietro l’editore Urbano Cairo.

Nei suoi 4 anni a capo della società energetica italiana, ha puntato molto sui contatori digitali, raggiungendo la quota di 32 milioni di installazioni. Tra i suoi progetti principali anche lo sviluppo della rete fibra ottica su tecnologia “Fiber to the Home”.

I risultati raggiunti sotto la sua guida sono stati positivi, tanto che nel 2016 Starace ha incassato un bonus da 1,653 milioni di euro, che lo hanno portato ad avere uno stipendio complessivo di 2,9 milioni di euro.

Qui tutte le informazioni utili da conoscere su Enel.