Me

Anna Foglietta tra carriera e vita privata: tutto quello che c’è da sapere sulla conduttrice del DopoFestival 2019

Immagine di copertina

ANNA FOGLIETTA CARRIERA – Insieme a Rocco Papaleo e Melissa Greta Marchetto, Anna Foglietta è una delle conduttrici del DopoFestival 2019, il programma televisivo che segue il celebre Festival di Sanremo in onda su Rai 1.

Scopo del DopoFestival, che mantiene attivo il canale televisivo anche alle ore 1:30 di notte, è quello di commentare la gara appena svoltasi, in compagnia dei cantanti in gara e con un tocco spensierato che, data l’ora, di certo non guasta.

> QUI TUTTI I CONDUTTORI DEL DOPOFESTIVAL 2019

Ma chi è Anna Foglietta? Scopriamo la vita pubblica e privata dell’attrice conduttrice del DopoFestival 2019.

Anna Foglietta Carriera | Vita privata

Si è definita una bambina introversa, Anna Foglietta. In un’intervista per Vanity Fair, l’attrice italiana – nata il 3 aprile 1979 – ha voluto rispolverare la sua infanzia, parlando della bambina che è stata e dell’adolescente che è diventata.

“Su una sedia, vicino al camino, con i capelli corti, osservavo gli altri senza perdermi una sfumatura. Sono cresciuta poi adolescente ribelle: nella fascinazione per Che Guevara, leggevo I diari della motocicletta, e difendevo i diritti di chiunque. Tornavo tardissimo ogni sera, tra occupazioni e concerti”.

La famiglia è di origini napoletane, ma Anna Foglietta è nata e cresciuta a Roma. Nel 2010 si è sposata con Paolo Sopranzetti e hanno avuto tre deliziosi bambini di cui Anna parla – sempre con Vanity Fair – con immenso amore.

“Lorenzo è l’indipendente, Nora la gelosa, Giulio il simpatico: un trio meraviglioso di quasi gemelli che si bastano, e non hanno bisogno di tablet o altro per intrattenersi. La fratellanza è un’intenzione potentissima, un sentimento che ti connette oltre gioie e inciampi di cui spero si mantengano capaci”.

Anna Foglietta Carriera | Filmografia

Dopo la gavetta a teatro, l’esordio di Anna Foglietta è arrivato con il personaggio di Anna De Luca (ruolo interpretato dal 2005 al 2007) nella serie televisiva “La squadra” andata in onda su Rai 3.

Nel 2008 ha interpretato l’ispettore Elena Argenti nella serie TV “Distretto di polizia”, dopodiché è passata al grande schermo con pellicole come “4-4-2 – Il gioco più bello del mondo” (2006), “Se chiudi gli occhi” e “Solo un padre” (entrambi del 2008) e “Feisbum – Il film” (2009).

Per il personaggio nel film “Nessuno mi può giudicare”, ha ricevuto una candidatura al David di Donatello e al Nastro d’argento.

Nel 2012 è stata protagonista dei film “Colpi di fulmine”, ruolo che le ha garantito un’altra candidatura al Nastro d’argento, “Mai stati uniti” e “Tutta colpa di Freud”.

Dopo aver presentato la serata di chiusura del Festival del Cinema di Roma nel 2013, l’attrice ha recitato in “Noi e la Giulia”, con il quale si è aggiudicata la seconda candidatura al David di Donatello.

Il 2016 è l’anno di “Perfetti sconosciuti”, film di Paolo Genovese che le ha permesso di ottenere la terza candidatura al David di Donatello (ma la prima per la categoria di miglior attrice protagonista). Nello stesso anno, è entrata nel cast della serie televisiva “La mafia uccide solo d’estate”.

Dopo film come “Il contagio”, “Il premio” e “Diva!” (tutti datati 2017), Anna Foglietta è tornata al cinema con l’opera prima di Ciro D’Emilio “Un giorno all’improvviso”, in cui ha interpretato una madre complessa.

“La mia è una figura materna che fagocita il figlio, una donna profondamente malata. La mia fortuna è stata di aver subito creato un’alchimia con Massimo De Matteo, un attore e una persona con la quale mi sono trovata subito a mio agio” ha commentato l’attrice, come ha riportato Ansa.

Nel 2019, Anna Foglietta conduce, insieme a Rocco Papaleo e Melissa Greta Marchetto, il DopoFestival che segue il Festival di Sanremo.

> QUI TUTTO QUELLO CHE C’È DA SAPERE SUL DOPOFESTIVAL 2019

Anna Foglietta Carriera | Instagram

Anche Anna Foglietta ha un debole per i social: tra i canali più utilizzati, spunta Instagram (qui il profilo) seguito da Twitter (qui il profilo). Facebook (qui il profilo) è quello meno aggiornato.