Me

Inps, trovato l’accordo sul successore di Boeri: Mauro Nori presidente e Tridico il suo vice

Immagine di copertina

L’era di Tito Boeri all’Inps sta per finire. Il mandato di presidente si conclude a febbraio 2019 e la Lega e il Movimento Cinque Stelle hanno trovato un accordo sul successore. Mauro Nori, ex direttore generale Inps, sarà il nuovo vertice dell’Istituto di previdenza italiano. Il suo vicepresidente per i prossimi 4 anni sarà Pasquale Tridico.

La nuova previdenza non sarà operativa da subito. In un primo momento Nori sarà nominato commissario Inps con decreto interministeriale Lavoro-Economia. L’investitura al ruolo di presidente arriverà dopo la conversione in legge del decreto. Successivamente saranno nominati altri 4 membri del consiglio di amministrazione, reintrodotto da Lega e M5s.

Mauro Nori ha 48 anni ed è stato direttore generale tra il 2010 e il 2015, subito prima dell’arrivo di Boeri all’Inps. Attualmente è consigliere del ministro dell’Economia Giovanni Tria.

In passato Nori ha ricoperto l’incarico di Amministratore delegato di Italia Previdenza. È docente presso il Master di specializzazione del diritto e della Previdenza Sociale dell’Università La Sapienza.

L’Istituto nazionale della previdenza sociale (INPS) è il principale ente previdenziale del sistema pensionistico pubblico sistema pensionistico italiano, presso cui debbono essere obbligatoriamente iscritti tutti i lavoratori dipendenti pubblici o privati e la maggior parte dei lavoratori autonomi, che non abbiano una propria cassa previdenziale autonoma.

L’INPS è sottoposto alla vigilanza del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.