Me

Popolo Sovrano: tutto quello che c’è da sapere sul nuovo programma di attualità di Rai 2

Immagine di copertina

POPOLO SOVRANO RAI 2 – Un titolo che strizza l’occhio al nuovo esecutivo giallo-verde – o quanto meno soprattutto alla sua “parte verde” – quello del nuovo programma voluto dal direttore di Rai 2 Carlo Freccero: Popolo Sovrano, che di fatto si prende lo spazio che fu di Nemo-Nessuno escluso, è condotto dai tre giornalisti Alessandro Sortino, Daniele Piervincenzi e Eva Giovannini e va in onda tutti i giovedì in diretta sul secondo canale Rai a partire dal 14 febbraio.

Proprio come il format suo predecessore, anche Popolo Sovrano è un programma che propone inchieste e approfondimenti sui vari temi di attualità, politica e cultura e, a quanto dicono gli autori, vuole descrivere fedelmente la realtà e mostrarla al popolo in tutta la sua crudezza e nelle sue diverse sfaccettature.

La promessa, infatti, è che molto spazio venga dedicato al confronto e al dibattito. Gli ospiti di ogni settimana sono giornalisti, politici, economisti e personaggi vari legati alle vicende trattate di volta in volta.

Popolo Sovrano | Nuovo o vecchio format?

In quanto al titolo “l’ho proposto io”, ha spiegato il giornalista ex Iena Sortino. “La Costituzione italiana si apre con il popolo. Vogliamo abitare il conflitto tra la sovranità popolare e il modo con cui la sovranità deve esercitarsi. Racconteremo come il popolo si muove, lamenta e soffre. Inizieremo dal popolo dei risparmiatori. Siamo abituati a entrare nella realtà, ad andare in posti dove gli altri non vanno. Non sarò solo. Il mio socio narratore è Daniele Piervincenzi. Eva Giovannini, invece, condurrà il confronto politico, un vero confronto di idee. Vogliamo offrire un racconto immersivo, vogliamo che parlino di cose concrete. Vedranno i filmati, non potranno sfuggire: la realtà ce l’avranno davanti agli occhi”. Questa la descrizione del conduttore che ha voluto fornire un’anticipazione dell’identità del nuovo format.

Sortino ha raccontato che per Popolo Sovrano è stato “arruolato” da Freccero in persona, il quale gli ha subito spiegato che, dal momento in cui Enrico Lucci avrebbe fatto un programma per conto suo, allora bisognava creare un “figlio” di Nemo. E il nuovo format, infatti, è esattamente questo: non a caso Freccero ha voluto affidarlo a Sortino, l’ideatore dell’ex programma di Rai 2.

Il programma, che ha alle spalle una redazione molto giovane, non vuole proporsi come un”talk”, come spiegato dalla Giovannini, ma più come un “approfondimento giornalistico”. “La politica è al centro, ma non è al centro il chiacchiericcio. Io modererò un confronto, un duello – ha precisato la giornalista – ma non sarà un momento per l’insulto o per delegittimare l’avversario. Cercheremo di capire anche che uomo o che donna c’è dietro la maschera che ogni politico indossa“.

In merito al discusso titolo del programma, Sortino ha chiarito che non c’è intenzione di dare spazio al populismo: “Non mi piacciono gli ismi, io rivendico la parola ‘popolo’ e la parola ‘sovranità’. Rivendico le parole, le voglio liberare dagli ismi che le soffocano, voglio liberare la parola comunità da comunismo… Ci auguriamo che sia un programma popolare”.

“La parola popolo è una parola plurale”, ha invece aggiunto sempre la Giovannini, la quale anche sostiene che “i populismi ritengono di avere il monopolio del pensiero del popolo. Popolo non è una parola singolare, ma plurale”. “Se mettessimo un punto di domanda al titolo tutto diventerebbe più semplice”, ha infine osservato Daniele Piervincenzi, il giornalista che fu brutalmente aggredito durante un servizio da Roberto Spada.

Popolo Sovrano | La sigla

Ma la polemica sul nuovo programma di Rai 2 non si è concentrata solo intorno al suo titolo.

Una vera e propria bufera si è abbattuta dopo che Repubblica aveva riportato la notizia che a scrivere la sigla della trasmissione sarebbe stato Alessandro Travaglio, figlio del direttore de Il Fatto Quotidiano Marco Travaglio.

Sulla questione è intervenuto lo stesso Sortino:”Ero a Bari per un reportage sulle banche – ha raccontato il conduttore – e cominciano a chiamarmi tutti i giornalisti per questa cosa che non mi so spiegare. Non conosco il figlio di Travaglio, non ho mai sentito una sua canzone. La vera vittima è lui, che ripeto, non conosco, e che magari è anche bravo. Speriamo di ospitarlo. Non credo che il figlio di Travaglio debba avere per forza le stesse idee del padre, ma va ascoltato. Comunque, no, non sarà l’autore della nostra sigla. La sigla sarà rock”.

Popolo Sovrano | Anticipazioni puntate

La prima puntata di Popolo Sovrano, in onda dalle 21.20 in diretta su Rai 2, vede come servizi quello di Sortino sui risparmiatori traditi dalle banche popolari, un reportage sullo sgombero dell’ex fabbrica di penicillina nella periferia di Roma e uno nel quartiere Ater a Pescara, luogo di spaccio e degrado della città abruzzese dove Daniele Piervincenzi – per altro – ha subito una nuova aggressione.

Popolo Sovrano | Diretta tv e streaming

Il programma va in onda in chiaro, ogni giovedì, dalle 21.20 su Rai 2. È possibile seguire Popolo Sovrano anche in streaming o rivederlo i giorni successivi alla sua messa in onda grazie alla piattaforma di streaming e on demand Rai Play.