Me

Usa, trovato accordo per evitare nuovo shutdown: 1,3 milioni per finanziare una barriera al confine con il Messico

L'intesa prevede 1,375 miliardi di dollari, al posto dei 5,7 richiesti dal presidente Donald Trump, e la costruzione di un reticolato al confine con il Messico

Immagine di copertina
Credit: Afp

Una lunga trattativa e un accordo in Congresso per evitare uno nuovo shutdown dell’amministrazione. Dopo una discussione proseguita ad oltranza tra leader negoziatori, i senatori Shelby e Patrick Leahy (democratico) e i deputati Nita Lowey (dem) e Kay Granger (Gop), è arrivata la svolta. Secondo indiscrezioni di stampa, sarebbe stata raggiunta un’intesa per finanziare una barriera al confine con il Messico: 1,375 milioni di dollari per una recinzione lunga circa 88 chilometri. Il presidente Donald Trump aveva invece chiesto 5,7 miliardi per un muro della lunghezza di 346 chilometri.

“Abbiamo avuto una buona serata. Abbiamo trovato un’intesa di principio sulla Sicurezza Interna e su altre sei Leggi”, ha detto ai reporter il senatore repubblicano Richard Shelby. “Un buon prodotto”, è stato il commento di Lowey.

“Nessuno di noi riuscirà ad avere tutto quello che vuole ma faremo ciò che è meglio per gli Stati Uniti d’America”, ha assicurato Leahy, dopo settimane in cui il negoziato sembrava essersi fermato a un punto morto.

Il Congresso ha tempo fino al 15 febbraio per approvare il bilancio e finanziare il governo fino al prossimo 30 settembre. L’obiettivo dei negoziatori è ottenere il via libera di Camera e Senato per far arrivare il provvedimento sul tavolo del presidente entro venerdì per la firma. Trump dovrebbe firmare la Legge anche se non contiene i 5,7 miliardi di dollari richiesti per il Muro, ricorrendo poi a un ordine esecutivo per i restanti fondi.

“Perchè voi lo sappiate: costruiremo il Muro in ogni caso”, ha assicurato Trump durante un comizio a El Paso, in Texas, al confine con il Messico, con il quale ha inaugurato la campagna elettorale per il 2020.

“Finisci il Muro” recitavano giganteschi striscioni nell’arena del comizio di Trump in Texas contro il quale si è mobilitato il democratico Beto O’Rourke, originario di El Paso, con una marcia ed un discorso in contemporanea a mezzo chilometro di distanza. Beto, considerato l’astro nascente del partito democratico non ha ancora sciolto la riserva sulla sua corsa per la Casa Bianca ma lo farà entro fine mese.

L’accordo sul bilancio riguarda i nove dipartimenti governativi che sono stati parzialmente chiusi per 35 giorni, fino allo scorso 25 gennaio. Secondo l’ufficio del bilancio del Congresso, lo shutdown è costato all’economia Usa 11 miliardi di dollari e ha ridimensionato di mezzo punto percentuale le stime sulla crescita.