Me

Roma, 17enne cade dal sesto piano e muore: aveva denunciato una violenza sessuale

La 17enne è stata portata in ospedale ed è morta poche ore dopo a causa delle ferite

Immagine di copertina

Una ragazza di 17 anni è morta dopo essere caduta dalla finestra del sesto piano di un palazzo vicino a piazza Re di Roma del quartiere Appio Latino della Capitale.

La procura di Roma ha aperto un fascicolo sul caso: tra le ipotesi al vaglio dei giudici c’è il reato di istigazione al suicidio e secondo quanto emerso fino ad ora la ragazza in precedenza aveva sporto denuncia per violenza sessuale. Gli inquirenti tuttavia non hanno ancora escluso che la caduta possa essere stata accidentale.

La ragazza viveva in un appartamento per universitari in via Pomezia ad Appio Latino con un’amica: secondo le prime informazioni, le due ragazze erano rientrate in casa la sera dell’11 febbraio e la 17enne si era subito chiusa nella sua camera, mentre l’amica si era trattenuta in soggiorno.

A chiamare i soccorsi e ad allertare le forze dell’ordine sono stati i passanti. L’amica e coinquilina infatti si è accorta di quanto accaduto solo dopo aver sentito le sirene sotto casa. La ragazza è stata subito sentita dagli inquirenti per cercare di ricostruire quanto accaduto e capire se la 17enne si sia tolta la vita o se sia trattato di un incidente.

Il personale del 118 è intervenuto subito sul luogo dopo aver ricevuto una chiamata dai presenti: la ragazza è stata trasportata in condizioni gravissime all’ospedale San Giovanni di Roma, ma per lei non c’è stato nulla da fare. I medici hanno fatto il possibile per salvare la vita della giovane, che per ore è rimasta tra la vita e la morte.

I traumi riportati a seguito della caduta dal sesto piano infatti però sono stati fatali. Dopo il decesso, il corpo della ragazza è stato preso in custodia dall’Autorità giudiziaria per l’autopsia. Adesso si attendono i risultati delle analisi e l’avanzamento delle indagini per capire cosa sia successo.