Me

Di Maio: “C’è una canzone di Sanremo che ascolto a ripetizione su Spotify”

Immagine di copertina
Luigi Di Maio, vicepremier e ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico. Credit: Vincenzo PINTO / AFP

“Chi sta usando la canzone che ha vinto Sanremo contro il governo sta a pezzi. E, lasciatemelo dire, fa un favore a questo governo”. Così il vicepremier M5S, Luigi Di Maio, commenta le polemiche che sono seguite al successo di Mahmood alla 69esima edizione del Festival.

Nel corso di una conferenza stampa a Milano, Di Maio, rispondendo a una domanda, ha anche rivelato qual era la sua canzone preferita: “Mi piaceva quella di Simone Cristicchi, che ho ascoltato a ripetizione su Spotify”, ha detto.

L’altro vicepremier, il leghista Matteo Salvini, in precedenza aveva invece scritto sui social che avrebbe preferito una vittoria di Ultimo.

La canzone vincitrice del Festival – il brano ‘Soldi’ di Mahmood – ha scatenato diverse polemiche [qui il testo].

L’opinionista Maria Giovanna Maglie, che secondo rumors insistenti potrebbe presto un condurre un programma di punta di RaiUno, ha commentato così su Twitter: “Un vincitore molto annunciato. Si chiama Maometto, la frasetta in arabo c’è, c’è anche il Ramadan e il narghilè, e ilmeticciato è assicurato. La canzone importa poco, Avete guardato le facce della giuria d’onore?”.

Di senso opposto il messaggio di Elisa Isoardi, conduttrice del programma tv ‘La prova del cuoco’ ed ex fidanzata di Salvini. “Mahmood ha appena vinto il festival di Sanremo. La dimostrazione che l’incontro di culture differenti genera bellezza”, ha scritto in un tweet.

Ultimo, classificatosi secondo, se l’è presa invece con i giornalisti in sala stampa. “Avete questa settimana per sentirvi importanti e dovete rompere il cazzo. Tanto qualsiasi cosa io dico troverete qualcosa da ridire”, ha detto durante la conferenza stampa al termine della finale.

Ma su Twitter si scatenano gli utenti, che difendono il cantante: “Guarda che quella canzone contesta il padre musulmano!”; “Mahmood è nato a Milano, cretina”.