Me

“Chissenefrega di andare a Lione”: Toninelli sbotta sulla Tav

Immagine di copertina

“Perché chissenefrega di andare a Lione, lasciatemelo dire”. Sono state queste le parole del ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli nel corso della puntata di Coffee Break in onda su La7, in merito all’Alta velocità.

Il parere del ministro pentastellato sulla linea Torino-Lione, progetto che il governo ha bloccato in attesa dei risultati dell’analisi costi-benefici e che divide gli alleati, sembra quindi chiaro, anche se ben poco scientifico.

Il governo è più che mai diviso sul tema: da un lato c’è Matteo Salvini e la Lega che vogliono che l’opera venga completata, e dall’altra c’è il Movimento 5 stelle, da sempre vicino a posizioni No Tav, che vuole impedire la costruzione della linee ad alta velocità.

Propio sulle divisioni tra Lega e Movimento si è poi espresso il ministro, affermando che “sulla Tav noi non abbiamo alcun pregiudizio, spero non ne abbia neanche la Lega. Se delle persone che si guardano negli occhi in maniera concreta capiscono se conviene e o no faranno la scelta migliore, non cadrà il governo sulla Tav”.

Intanto iniziano ad emergere alcune indiscrezioni sul progetto e sui risultati dell’analisi costi-benefici che saranno pubblicate nei prossimi giorni (e tutte da verificare). Secondo il sottosegretario pentasellato alla presidenza del Consiglio, Simone Valente, grazie alla Tav nel tragitto Torino-Lione si risparmierebbero solo un minuto e 20 secondi.

Un dato che contrasta con quanto riportato nei documenti ufficiali dei governi precedenti, secondo cui il risparmio sarebbe di 1 ora e 20 minuti su un totale di due ore e mezza di viaggio per chi si sposta da Torino a Lione usando l’Alta velocità.

Le affermazioni di Valente sono state infatti smentite dalla società che si sta occupando della costruzione del progetto di Alta velocità: “Con la realizzazione della Torino-Lione i tempi di percorrenza tra le due città non si riducono di un minuto e venti secondi quanto sostiene Valente bensì di un’ora e 20. E i tecnici si spingono a accorciare questi tempi fino a 1 ora e 40”.