Me

Quali sono le città più inquinate d’Italia

Immagine di copertina

Brescia, Lodi e Monza. Sono queste le città più inquinate d’Italia. È quanto emerge dal Dossier annuale di Legambiente sull’inquinamento atmosferico.

Il 2018, secondo l’associazione ambientalista, è stato un anno “da codice rosso”, segnato anche dal deferimento dell’Italia alla Corte di giustizia europea in merito alle procedure di infrazione per la qualità dell’aria. Procedura d’infrazione che costerà multe salate.

> Qui il dossier integrale Malaria 2019

In 12 mesi di monitoraggio, infatti, in ben 55 capoluoghi di provincia sono stati superati i limiti giornalieri per le polveri sottili o per l’ozono.

La classifica vede in testa Brescia con 150 giorni oltre i limiti. Seconda Lodi, con 149. Sul podio si colloca Monza, con 140. A preoccupare, sfogliando la classifica, è soprattutto l’area padana.

città più inquinate italia

Le principali fonti di inquinamento prese in considerazione sono l’emissione del traffico, il riscaldamento domestico, le industrie e le pratiche agricole. 

In 24 dei 55 capoluoghi il limite è stato superato per entrambi i parametri (Pm10 e ozono), con la conseguenza diretta, per i cittadini, di aver dovuto respirare aria inquinata per circa 4 mesi nell’ ultimo anno. 

La città che lo scorso anno ha superato il maggior numero di giornate fuorilegge è, come detto, Brescia (Villaggio Sereno) con 150 giorni (47 per il Pm10 e 103 per l’ozono), seguita da Lodi con 149 (78 per il Pm10 e 71 per l’ozono), Monza (140), Venezia (139), Alessandria (136), Milano (135), Torino (134), Padova (130), Bergamo e Cremona (127) e Rovigo (121).

Tutte le città capoluogo di provincia dell’area padana, quindi, ad eccezione di Cuneo, Novara, Verbania e Belluno, hanno superato almeno uno dei due limiti. 

La prima città non ubicata nella pianura padana è Frosinone, nel Lazio, con 116 giorni di superamento (83 per il Pm10 e 33 per l’ozono), seguita da Genova con 103 giorni (tutti dovuti al superamento dei limiti dell’ozono), Avellino con 89 (46 per il Pm10 e 43 per l’ozono) e Terni con 86 (rispettivamente 49 e 37 giorni per i due inquinanti).

Un quadro “preoccupante”, denuncia Legambiente, che indica “l’urgenza a livello nazionale di pianificare misure strutturali capaci di abbattere drasticamente le concentrazioni di inquinamento presenti e di riportare l’aria a livelli qualitativamente accettabili”. 

Misure che, continua Legambiente, “spesso oggi mancano, dimenticando così che ogni anno in Europa, stando ai dati dell’Agenzia Europea per l’ambiente, sono oltre 422mila le morti premature all’anno per inquinamento atmosferico e l’Italia si colloca tra i paesi europei peggiori, con più decessi in rapporto alla popolazione, pari a più di 60.600 nel solo 2015”. 

Per questo per Legambiente la sfida importante che oggi deve affrontare il Paese è quella di fare della mobilità sostenibile “il motore del cambiamento e di ripensare le città per le persone, non per le auto”. 

Ed è questo il filo conduttore al centro delle proposte che l’associazione ambientalista ha riassunto in Mal’aria 2019 e incentrate proprio sul tema della mobilità sostenibile, già praticata da alcune città come Bolzano, Firenze, Pisa, Torino e Milano dove il 50% degli abitanti “usa i mezzi pubblici, cammina e pedala”.

Entrando nello specifico dell’indagine di Mal’aria, nel 2018 sono state 26 le città (circa un capoluogo su quattro) a oltrepassare il limite quotidiano del Pm10 fissato per legge a 50 µg/mc, come media giornaliera, da non superare per più di 35 giorni l’anno. 

A guidare la top ten delle città più critiche per le polveri sottili: Torino (Rebaudengo) con 87 giorni, Frosinone (scalo) con 83 e Lodi (Vignati) con 78 sono sul podio della speciale classifica, seguite da Milano (Marche) 74, Venezia (Tagliamento) 63, Padova (Arcella) 60.

 città più inquinate italia

Per quanto riguarda l’Ozono, nel 2018 sono stati ben 53 capoluoghi di provincia hanno superato il limite di 25 giorni con una media mobile sulle otto ore superiore a 120 microgrammi per metro cubo.

Genova e Brescia le città peggiori per questo inquinante con 103 giorni, seguite da Monza (89), Lecco (88), Bergamo (85), Piacenza (80), Varese (78), Alessandria (77) e Venezia (76).

città più inquinate italia