Me

Polemiche su Sanremo 2019: critiche, proteste e lamentele intorno al Festival

Immagine di copertina

Sanremo 2019 polemiche | Proteste | Esclusi | Festival Canzone italiana

Non c’è Sanremo senza le polemiche. Puntuali ogni anno, fin dalla prima edizione, attorno al Festival della Canzone italiana si concentrano mugugni e lamentele. Dalle proteste dei concorrenti esclusi dalla competizione, a quella di lavoratori di diversi settori che approfittano della grande visibilità della kermesse per portare all’attenzione di cittadini e istituzioni questioni sindacali.

Non mancano mai accuse di plagio nei confronti di alcune canzoni in gara, come anche immense discussioni relative ai compensi, ritenuti sempre eccessivi, destinati ai vari conduttori, al direttore artistico e agli ospiti internazionali.

Anche la 69esima edizione di Sanremo, quella del 2019, non è ovviamente esente da critiche e polemiche di vario tipo.

> QUI TUTTO QUELLO CHE C’E’ DA SAPERE SU SANREMO 2019

Sanremo 2019 polemiche | News

Aggiornamento 15 gennaio 2019 – Ministro Fontana: “Dispiace per l’esclusione da Sanremo 2019 di Caramelle” – Il ministro per la Famiglia e le Disabilità Lorenzo Fontana si è schierato al fianco di Pier Davide Carone e i Dear Jack, esclusi con il loro brano “Caramelle” dal Festival di Sanremo 2019. “Dispiaciuto che un brano come “Caramelle”, che parla di lotta alla pedofilia, sia stato escluso da Sanremo – le parole del ministro in un tweet -. Un argomento molto importante, su cui, tra l’altro, stiamo già lavorando: abbiamo diversi progetti in cantiere col Ministero dell’Istruzione”.

(QUI TUTTI I DETTAGLI)

Aggiornamento 11 gennaio 2019 – Claudio Bisio: “Sul palco dell’Ariston parlerò di migranti” – “Vorrei non commentare perché sarò a Sanremo e dirò delle cose lì – ha dichiarato a La Presse l’attore, a seguito della conferenza stampa della trasmissione Italia’s got talent – Vi invito a vedere il mio intervento di sei anni fa a Sanremo, l’unica volta in cui ci sono stato. Era un monologo scritto da me e Michele Serra, che sarà mio autore anche in questa occasione: stiamo già lavorando. Le cose mi piace dirle sul palco da artista. Guardate cosa ho fatto sei anni fa e capirete quale sarà il tono che potrò usare. Ho parlato agli italiani”

(QUI TUTTI I DETTAGLI)

Aggiornamento 10 gennaio 2019 – Il retroscena de La Stampa: “Dopo l’attacco a Salvini, Baglioni rischia l’epurazione dalla Rai” – Le dichiarazioni di Claudio Baglioni a proposito dei migranti non sono piaciute a Teresa De Santis, neo direttore di Rai 1. Secondo quanto riportato da La Stampa, De Santis avrebbe deciso di non riconfermare Baglioni per i prossimi Festival di Sanremo.

(QUI TUTTI I DETTAGLI)

Aggiornamento 9 gennaio 2019 – Botta e risposta Baglioni-Salvini sulla questione migranti – Claudio Baglioni, durante la conferenza stampa di presentazione del Festival di Sanremo ha usato dure parole verso un governo che vuole ricostruire muri. E contro l’Italia, diventata incattivita e rancorosa. Il ruolo del festival di Sanremo di quest’anno sarà dunque quello di creare un’armonia, in un paese “terribilmente disarmonico”.

Ma il vicepremier Matteo Salvini risponde subito via Twitter: “#Baglioni? Canta che ti passa, lascia che di sicurezza, immigrazione e terrorismo si occupi chi ha il diritto e il dovere di farlo”.

(QUI TUTTI I DETTAGLI)

Aggiornamento 4 gennaio 2019 – Pierdavide Carone attacca Baglioni: “Mi ha deluso” – Pierdavide Carone è uno degli esclusi eccellenti dal Festival di Sanremo 2019. Il cantautore romano si era presentato alle selezioni assieme ai Dear Jack, con una canzone molto impegnata. Il titolo è “Caramelle” e nel testo si affronta duramente il tema della pedofilia. Il direttore artistico di Sanremo, Claudio Baglioni, tuttavia non ha ritenuto la canzone sufficientemente valida e ha deciso di escluderla dalla competizione. Carone non l’ha presa affatto bene, dicendosi molto deluso da Baglioni, dal quale si sarebbe aspettato “maggiore empatia, visto il tema del brano”. Il cantante ha anche lanciato una stoccata: “Se avessi portato Caramelle con una star della musica, l’avrebbero presa”.

(QUI TUTTI I DETTAGLI)

Sanremo 2019 polemiche | Quando va in onda

Il Festival della canzone italiana va in onda, in prima serata, da martedì 5 febbraio a sabato 9 febbraio 2019. La kermesse viene trasmessa in diretta tv su Rai 1 e in diretta radio su Rai Radio 2.

Ogni anno, anche a causa dell’alto numero di cantanti che devono esibirsi, Sanremo inizia sempre un po’ prima rispetto alle normali trasmissioni della sera, intorno alle 20.30, subito dopo il telegiornale.

Sanremo 2019 polemiche | Streaming e diretta tv

Il Festival di Sanremo viene trasmesso ogni sera, da martedì 5 a sabato 9 febbraio 2019, in prima serata su Rai 1. L’evento, in chiaro e in diretta, è completamente gratuito.

Per chi non riesce a seguire il Festival in televisione, ci sono anche diverse strade alternative: guardare lo spettacolo in streaming, grazie alla piattaforma RaiPlay, anch’essa completamente gratuita (è necessario però registrarsi), oppure tramite la diretta radio di Rai Radio 2.

Su RaiPlay, inoltre, nei giorni successivi alla messa in onda è possibile rivedere in differita le puntate intere di Sanremo, oltre a singole clip.

Sanremo 2019 polemiche | Cantanti in gara

Uno dei più grandi cambiamenti dell’edizione numero 69 del Festival di Sanremo riguarda il numero dei cantanti in gara. Nel 2018 erano stati 20, nel 2019 diventano 24.

I nomi degli artisti che si sfidano a colpi di musica sull’Ariston sono stati resi noti durante le due serate di Sanremo Giovani, andate in onda il 20 e il 21 dicembre 2018.

Altra novità: tra i big in gara ci sono anche i vincitori delle due serate speciali di dicembre, dedicati a quelle che fino all’edizione del 2018 venivano chiamate le “Nuove Proposte”.

Ecco i nomi dei cantanti in gara a Sanremo 2019 con accanto il titolo della canzone che porteranno all’Ariston (unica eccezione i due Giovani, Einar e Mahmood, che dovranno portare un titolo diverso da quello che ha permesso loro di arrivare alla competizione dei big):

  • Federica Carta e Shade – Senza farlo apposta
  • Patty Pravo e Briga – Un po’ come nella vita
  • Negrita – I ragazzi stanno bene
  • Daniele Silvestri – Argento vivo
  • Ex otago – Solo una canzone
  • Achille Lauro – Rolls Royce
  • Arisa – Mi sento bene
  • Francesco Renga – Aspetto che torni
  • Boomdabash – Per un milione
  • Enrico Nigiotti – Nonno Hollywood
  • Nino D’Angelo e Livio Cori – Un’altra luce
  • Paola Turci – L’ultimo ostacolo

> QUI LO SPOT DI SANREMO 2019 CON BAGLIONI E PAPALEO

  • Simone Cristicchi – Abbi cura di me
  • Zen Circus – L’amore è una dittatura
  • Anna Tatangelo – Le nostre anime di notte
  • Loredana Bertè – Cosa ti aspetti da me
  • Irama – La ragazza col cuore di latta
  • Ultimo – I tuoi particolari
  • Nek – Mi farò trovare pronto
  • Motta – Dov’è l’Italia
  • Il Volo – Musica che resta
  • Ghemon – Rose viola
  • Mahmood (vincitore di Sanremo Giovani 2018 – titolo da definire)
  • Einar (vincitore di Sanremo Giovani 2018 – titolo da definire)

> QUI TUTTI I DETTAGLI SUI CANTANTI IN GARA A SANREMO

Sanremo 2019 polemiche | Direttore artistico | Claudio Baglioni

Dopo il successo dell’edizione 2018, la prima sotto la direzione artistica di Claudio Baglioni, il cantautore romano è stato confermato dalla Rai anche per il 2019.

“Da febbraio c’è stato un vero e proprio corteggiamento – ha confessato nel momento dell’annuncio, a luglio, il direttore generale della Rai Mario Orfeo – e non poteva essere altrimenti considerato il successo di critica e di pubblico e i record ottenuti nella sua prima volta da direttore del Festival”.

> QUI TUTTO SULLA CARRIERA DI CLAUDIO BAGLIONI

Baglioni, classe 1951, nel 2018 ha dimostrato tutte le sue competenze costruendo un Festival trasversale e popolare, che è risultato uno dei più apprezzati degli ultimi anni.

“Ho preso questa direzione artistica come una missione”, ha dichiarato Baglioni che, commentando poi le scelte per i big del 2019, ha confermato: “Quest’anno abbiamo cercato di fare una mostra che rispecchi la vitalità della musica italiana, da quella che si ascolta in radio a quella che si fa strada sul web, a quella che si va a sentire nei locali”.