Me

Cesare Battisti è arrivato in Italia: e adesso cosa succede?

Cesare Battisti ultime notizie | Le prime parole di Cesare Battisti nel carcere di Oristano

“Mi dite in quale parte del mondo mi trovo? Ormai è tutto finito, ho 64 anni, sono malato, sono cambiato”: sono le prime parole di Cesare Battisti, arrivato nel carcere di Massama, ad Oristano. A riferirlo è l’ex parlamentare sardo Mauro Pili, che ha citato non meglio precisate fonti qualificate.

Battisti ha incontrato il suo avvocato, Davide Steccanella.

Battisti ha trascorso la prima notte in una cella del blocco AS2 del carcere. Sarà in regime di isolamento diurno per sei mesi.

Cesare Battisti: Le prime immagini dell’arrivo in Italia

 L’ex terrorista è arrivato in Italia alle 11:38 del 14 gennaio 2019.Ad attendere Cesare Battisti [chi è] c’erano il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, e dell’Interno, Matteo Salvini.

Il volo era partito dall’aeroporto Viru Viru di Santa Cruz in Bolivia, dove Battisti era stato arrestato, senza passare dal Brasile. L’aereo, un Falcon con matricola I-DEM, era arrivato a Santa Cruz alle 15 (ora locale) dalla capitale La Paz: a bordo anche l’ambasciatore italiano in Bolivia, Placido Vigo. [qui il video girato poco prima dell’arresto]

> Qui gli ultimi aggiornamenti su Cesare Battisti in Italia

Si chiude così una latitanza all’estero che durava da oltre trent’anni. L’arrivo dell’ex terrorista era inizialmente previsto per le 12:30, ma è stato anticipato di un’ora. [Il video girato poco prima dell’arresto].

“Cesare Battisti rientrerà in Italia nelle prossime ore, con un volo in partenza da Santa Cruz e diretto a Roma”, aveva scritto su Facebook il premier Giuseppe Conte, dopo aver sentito telefonicamente il presidente brasiliano Jair Bolsonaro. “Siamo soddisfatti di questo risultato che il nostro Paese sta aspettando da troppi anni”, ha aggiunto Conte [Chi è Cesare Battisti].

“Se Battisti dovesse venire estradato direttamente dalla Bolivia non possiamo intervenire in alcun modo”, ha dichiarato l’avvocato dell’ex terrorista, Igor Tamasauskas. “Se torna in Brasile cercheremo di fare qualcosa, dobbiamo aspettare e vendere cosa succederà”  [Battisti sconterà l’ergastolo?].

Estradizione e carcere – Filipe Martins, consigliere speciale del presidente brasiliano Jair Bolsonaro, ha scritto su Twitter: “Il terrorista italiano Cesare Battisti è stato arrestato in Bolivia e sarà presto portato in Brasile, da dove verrà probabilmente mandato in Italia, così da poter scontare l’ergastolo secondo la decisione della giustizia italiana”.

Il ministro degli Esteri brasiliano, Ernesto Araujo, ha confermato che “i ministeri della Giustizia e degli Esteri stanno prendendo tutte le misure necessarie, in collaborazione con i governi della Bolivia e dell’Italia, per adempiere l’estradizione di Battisti e consegnarlo alle autorità italiane”.

Il ministro della Giustizia italiano, Alfonso Bonafede, ha spiegato che, una volta rientrato in Italia, Battisti “sarà portato nel carcere più vicino allo scalo di atterraggio”. “Probabilmente sarà Rebibbia”, ha aggiunto Bonafede.

Battisti, condannato all’ergastolo per quattro omicidi e altri reati, sconterà quindi la pena del carcere. Inizialmente si era detto che non avrebbe avuto il carcere a vita in virtù di un accordo stipulato nel 2017 tra Italia e Brasile.

LEGGI ANCHE: Quando gli intellettuali chiedevano la libertà per Battisti