Me

Il caso Battisti riapre le polemiche sui terroristi italiani latitanti all’estero | Chi sono

Immagine di copertina

Dopo l’arresto e l’estradizione di Cesare Battisti a tenere banco sono gli italiani latitanti all’estero, la maggior parte dei quali ex terroristi o persone condannate per i tristemente famosi anni di piombo.

È soprattutto la Francia il Paese che ha concesso “asilo” ai latitanti italiani tramite la “dottrina Mitterrand”, varata nel 1982 dall’allora presidente francese che si opponeva alla legislazione anti-terrorismo varata a suon di decreti negli anni settanta e ottanta dai governi italiani.

> Qui gli ultimi aggiornamenti su Cesare Battisti in Italia

Chi sono i terroristi italiani latitanti all’estero: Giorgio Pietrostefani

Giorgio Pietrostefani, fondatore di Lotta Continua, è stato condannato per l’omicidio Calabresi. Dal 2000 si è rifugiato in Francia. La Lega ha inviato una lettera al governo francese per chiederne l’estradizione.

Chi sono i terroristi italiani latitanti all’estero: Enrico Villimburgo

Enrico Villimburgo, ex brigatisti, è stato condannato all’ergastolo nel processo Moro e per gli omicidi di Bachelet, Minervini, Galvaligi. Dal 1982 si è rifugiato in Francia.

Chi sono i terroristi italiani latitanti all’estero: Serio Tornaghi

Sergio Tornaghi è stato un brigatisti della colonna milanese. Condannato all’ergastolo per l’omicidio del maresciallo Francesco Di Cataldo, è rifugiato in Francia.

Chi sono i terroristi italiani latitanti all’estero: Oscar Tagliaferri

Oscar Tagliaferri è stato un militante di Prima Linea ed è tutt’ora ricercato per omicidio, associazione sovversiva, rapina, violazione della legge sugli armi. Le ultime notizie su di lui lo vogliono in Perù.

Chi sono i terroristi italiani latitanti all’estero: Vittorio Spadavecchia

Vittorio Spadavecchia, neofascista, è ritenuto il responsabile dell’assalto effettuato da un gruppo di camerati contro la sede romana dell’OLP. È fuggito a Londra due mesi dopo l’assalto, nel 1982.

Chi sono i terroristi italiani latitanti all’estero: Leonardo Bertulazzi

Leonardo Bertulazzi è stato uno dei vertici della Brigate Rosse. Per 22 anni ha vissuto da latitante in Argentina. Arrestato, ha scontato solo 8 mesi di carcere nel Paese Sudamericano. Oggi vive a Buenos Aires.

Chi sono i terroristi italiani latitanti all’estero: Marina Petrella

Marina Petrella è una ex brigatisti, coinvolta nel caso del rapimento e dell’omicidio di Aldo Moro. Anche lei si è rifugiata in Francia, dove vive da donna libera grazie al presidente Sarkozy che bloccò l’estradizione per “motivi umanitari”.

Chi sono i terroristi italiani latitanti all’estero: Narciso Manenti

Narciso Manenti è ritenuto uno dei responsabili dell’omicidio avvenuto a Bergamo nel 1979 del carabiniere Giuseppe Guerrieri: secondo l’accusa era a capo di un commando di Guerriglia Proletaria. Dopo l’omicidio ha trovato rifugio in Francia.

Chi sono i terroristi italiani latitanti all’estero: Alvaro Lojacono

Alvaro Lojacono, brigatisti, è coinvolto nella strage di via Fani e nell’omicidio del giudice Tartaglione. Oggi vive in Svizzera, ha un nuovo nome ed essendo cittadino elvetico non è estraibile.

Chi sono i terroristi italiani latitanti all’estero: Manlio Grillo

Manlio Grillo è stato militante di Potere Operaio. Condannato per il rogo di Primavalle, è fuggito in Guatemala. Oggi ha un nuovo nome, Christian De Seta, e vive a Managua.

Chi sono i terroristi italiani latitanti all’estero: Simonetta Giorgieri

Simonetta Giorgieri è ritenuta una dei vertici della Brigate Rosse della Toscana. È stata condannata all’ergastolo per l’omicidio di Aldo Moro. Anche lei vive in Francia dagli anni ottanta.

Chi sono i terroristi italiani latitanti all’estero: Alessio Casimirri

Alessio Casimirri è stato un brigatista ed è stato condannato per la strage di via Fani. Latitante in Nicaragua, ha aperto un ristorante.

Chi sono i terroristi italiani latitanti all’estero: Delfo Zorzi

Delfo Zorzi è stato esponente di Ordine Nuovo, formazione neofascista. A lungo sotto accusa per la strage di piazza Fontana a Milano e piazza della Loggia a Brescia, da ormai quasi 30 anni vive in Giappone. Assolto da tutte le accuse in via definitiva, non è più latitante ed è imprenditore nel settore tessile.

Alcuni latitanti sono stati dichiarati morti presunti, come Franco Coda, uno dei fondatori di Prima Linea, che ha ucciso l’agente di polizia Fausto Dionisi.

Anche il terrorista rosso Maurizio Baldasseroni è fuggito in sud America senza dare più sue notizie. Nel 2013 il nipote che voleva vendere un appartamento a Milano intestato allo zio latitante ha fatto domanda di morte presunta, che per il momento è stata respinta.