Me

“Hanno rubato le opere di Banksy”: gli street artist contro il Museo delle culture di Milano | VIDEO

Artisti “di strada” in rivolta contro la mostra di Banksy al Mudec di Milano. L’ultimo blitz contro l’esposizione al Museo delle Culture è stato effettuato da Cristina Donati Meyer.

All’esterno del Mudec l’artista ha affisso un disegno che ritrae la Banda Bassotti per denunciare la “privatizzazione dell’arte pubblica”.

L’obiettivo dell’artista non è solo denunciare il “furto” e “l’appropriazione privata delle opere pubbliche” realizzate dall’artista “invisibile”, ma dedicare un tributo al più famoso street artist del mondo.

“Collezionisti, trafficanti d’arte senza scrupoli, galleristi e musei di tutto il mondo fanno a gara nell’organizzazione di mostre clandestine legalizzate con le opere di Banksy rubate dai muri” denuncia l’artista. 

“Sono gli stessi, con le pubbliche autorità, che considerano i graffiti, la street art e l’arte pubblica, un crimine da perseguire, salvo scoprire un autore quotato milioni e rubare la sua arte rinchiudendola in quattro sontuose e polverose mura: l’antitesi dell’arte pubblica”.

Per Cristina Donati Meyer “ha ragione Banksy: l’arte deve essere contro il potere e dare fastidio allo status quo, altrimenti non è arte”.

Bansky in mostra al Mudec di Milano

Fino al 14 aprile è aperta la mostra, non autorizzata, di Banksy dal titolo “A Visual protest. The art of Banksy”.

Oltre 70 lavori tra dipinti, sculture e stampe dell’artista inglese, corredati di oggetti, fotografie e video, raccontano attraverso uno sguardo retrospettivo i lavori e il pensiero di Banksy. 

Le opere d’arte sono disposte per genere e tema: si passa quindi dalla serialità di quei lavori ispirati a Andy Warhol – come ad esempio i ritratti di Kate Moss come quelli di Marilyn o le serie Tesco in cui l’artista di Bristol usa il marchio della grande catena di distribuzione britannica modello Campbell’s Soup – alla serie di opere note in cui Banksy ha aggiunto elementi propri che ne modificano il significato.

Inoltre c’è la sezione video in cui vengono mostrati tutti i murales dello street artist, sia quelli ancora esistenti che quelli andati purtroppo scomparsi.