Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

I 4 eventi astronomici imperdibili del 2019

Immagine di copertina

Il 2019 si preannuncia un anno spettacolare. Almeno dal punto di vista astronomico. Saranno 4 gli eventi imperdibili da segnare in agenda. Il più importante è il transito di Mercurio davanti al sole, previsto per l’11 novembre 2019.

Due le eclissi di luna previste. La prima sarà un’eclissi totale, che si verificherà all’inizio dell’anno, il 21 gennaio, poco prima dell’alba. La seconda è prevista per il 16 luglio, con un’eclissi parziale.

Un altro grande evento astronomico è previsto per il 2 febbraio, quando una super Luna nasconderà Saturno. Cattive notizie per le stelle cadenti di agosto.

“Il picco delle Perseidi tra l’11 e il 13 agosto verrà abbagliato dalla luna quasi piena, che lascerà qualche scampolo per l’osservazione solo alla fine della notte”, sottolinea l’astrofisico Gianluca Masi, responsabile del Virtual Telescope. Anche le geminidi, le stelle cadenti di dicembre, saranno cancellate dalla luna piena.

“Dopo un 2018 scoppiettante, il 2019 si preannuncia come un anno altrettanto interessante e ricco di appuntamenti molto particolari”, spiega al quotidiano Repubblica Paolo Volpini dell’Unione astrofili italiani (Uai).

“L’evento più raro e atteso è sicuramente il transito di Mercurio, che l’11 novembre sarà visibile come un puntino nero che scorre davanti al grande disco solare. Per osservarlo bene sarà necessario un telescopio dotato di filtri per proteggere la vista, ma questo non dovrà scoraggiare gli appassionati: chi perderà questa occasione dovrà attendere fino al 2032 per rivedere un evento simile”, prosegue ancora l’esperto.

Per gli spettacoli celesti non finisce qui. Il 10 giugno e il 24 novembre Giove sarà in opposizione e si incontrerà con Venere. Il 9 luglio invece Saturno sarà in bella mostra, quando raggiungerà la distanza minima dalla Terra.

L’eclissi di luna del 21 gennaio

L’eclissi del 21 gennaio 2019 ha una durata abbastanza lunga. Accertatevi di poter avere una buona visibilità dell’evento a partire dall’inizio dell’evento e fino all’ora in cui la Luna tramonterà, all’alba. (Qui tutti i dettagli).

Un’eclissi lunare è un noto fenomeno ottico durante il quale l’ombra della Terra oscura del tutto o parzialmente la Luna e che si verifica nel momento in cui quest’ultima è in fase di “piena” mentre Sole, Terra ed essa si trovano allineati in quest’ordine.

A causa delle reciproche distanze fra il Sole, la Luna e la Terra l’ombra che si introduce per interposizione di quest’ultimo corpo, è di forma conica. Nelle eclissi lunari il cono d’ombra proiettato dalla Terra è sempre molto più ampio della Luna, ed è accompagnato da un cono più ampio, detto cono di penombra, nel quale solo una parte dei raggi del Sole vengono intercettati dalla Terra.

Si possono avere perciò vari tipi di eclissi di Luna, a seconda che la Luna entri totalmente (eclissi totale) o parzialmente (eclissi parziale) nel cono d’ombra, totalmente o parzialmente nel cono di penombra (eclissi penombrale).

Un’eclissi lunare totale si verifica quando la Luna transita completamente attraverso l’ombra della Terra.

La Luna attraversa prima la penombra, poi l’ombra e infine, dopo esserne uscita, interessa di nuovo la fascia penombrale. A causa degli effetti di colorazione rossastra che assume con la rifrazione dei raggi solari attraversanti l’atmosfera terrestre e per l’oscuramento parziale prima dell’entrata in ombra e durante l’uscita, è il tipo di eclissi lunare più osservata.

L’ultima eclissi lunare totale è avvenuta il 27 luglio 2018 alle ore 22:22 (massima oscurità) e la prossima sarà il 21 gennaio 2019 alle ore 05:12 (massima oscurità).