Me

Governo ultime news | Conte: “Manovra non è sfida a Ue”

Le notizie in tempo reale sul governo e sulla politica in Italia

Immagine di copertina
Il premier Conte

Governo ultime news | Le notizie sul governo e sulla politica italiana | Le notizie del giorno in Italia | Diretta Live (aggiornare la pagina per le ultimissime)

– SE NON VISUALIZZI GLI ULTIMISSIMI AGGIORNAMENTI, CLICCA QUI –

GOVERNO ULTIME NEWS Sabato 15 dicembre – Il Papa riceve il premier Giuseppe Conte – Questa mattina Papa Francesco riceve il premier italiano Giuseppe Conte. L’incontro è fissato per le ore 10. Ne ha dato notizia la Sala Stampa della Santa Sede.

Venerdì 14 dicembre – ore 18.50 – Di Maio: “La morte di Antonio Megalizzi è assurda” – “La morte di Antonio Megalizzi è una morte assurda. Io non posso neanche pensare che un nostro giovane connazionale venga ucciso da una pallottola alla testa di un terrorista. Noi ce la metteremo tutta come Governo nell’investire in più sicurezza e chiederemo all’Europa di essere sempre più efficace ed efficiente nella sicurezza delle nostre città e nella lotta al terrorismo. Mi dispiace davvero. È veramente una morte assurda”, ha affermato il vicepremier Di Maio, commentando la notizia della morte del giovane giornalista morto a Strasburgo.

ore 17.00 – Conte: “Manovra non è sfida a Ue” –“Non abbiamo mai pensato al 2.4 per cento della manovra come una sfida all’Ue. Stiamo lavorando per poter decidere gli ultimi dettagli per completare la nostra proposta”, ha affermato il premier Conte parlando dopo l’incontro con la Commissione Ue.

“Non è stato affatto difficile convincere Salvini e Di Maio. Fin dall’inizio abbiamo impostato una manovra contro il rischio recessione”.

ore 12.30 – Manovra, troppi emendamenti: slittano i lavori – Sono 3.400 gli emendamenti alla manovra depositati in commissione Bilancio del Senato da tutti i gruppi di maggioranza e opposizione. I lavori proseguono a rilento e i tempi potrebbero subire dei rallentamenti sulla tabella di marcia stabilita. In commissione, infatti, si sta ancora procedendo con la numerazione delle proposte di modifica e i fascicoli non saranno pronti prima di oggi pomeriggio. L’esame inizierà in serata e si prevede, quindi, uno slittamento dei tempi dei lavori.

Sul tavolo della Commissione sono arrivate proposte da tutti i gruppi parlamentari; si va dalle nuove disposizioni per gli indennizzi ai risparmiatori truffati dalle banche, al taglio dei vitalizzi anche per presidenti e assessori regionali; dalle risorse per le buche di Roma allo stop ai contributi per l’editoria ma anche election day, credito d’imposta per gli imballaggi ecosostenibili, frequenze radio-tv, plastic free, piattaforma investimenti Rai. Queste le principali arrivate dal M5S.

ore 10.50 – Ecotassa, Di Maio: “Tassa non colpirà le famiglie”- “Non ci sarà nessuna nuova tassa sulle auto. Ci sarà un ecobonus sulle auto elettriche, ibride, a metano. Serve una rivoluzione della mobilità in Italia. Non danneggeremo chi può permettersi solo una Panda”, ha affermato il vicepremier Di Maio a Mattino 5.

“Sarà solo un ecobonus sulle auto elettriche, ibride e a metano, perché ci sono città ostaggio dell’inquinamento. Stiamo incentivando fino a 6mila euro le auto elettriche, ma ci stiamo preparando a un piano di installazione di oltre 20mila colonnine elettriche con EnelX”. Questo “ci aiuterà per l’ambiente e ci farà risparmiare soldi sui carburanti e quindi sulle spese fisse degli italiani. Abbiamo le città ostaggio dell’inquinamento, si fermano le auto fino a Euro4”, ha concluso Di Maio.

ore 07.30 – Manovra, per far quadrare i conti con l’Ue il governo conta di raccogliere più soldi dal taglio delle pensioni d’oro, dalle dismissioni immobiliari e dalle modifiche a quota 100 e al reddito di cittadinanza: lo ha spiegato il vicepremier Luigi Di Maio in un forum con il Fatto Quotidiano.

Dalle stime tecniche su quota 100 e reddito di cittadinanza emerge che “a platea invariata costeranno di meno”, ha spiegato Di Maio. “Il reddito, per esempio, costerà 1,2 -1,3 miliardi in meno perché parte a marzo, anche se le pensioni di cittadinanza e di invalidità arriveranno da febbraio. Invece per quota 100, considerato il divieto di cumulo, abbiamo 2 miliardi e qualche centinaio di milioni in meno”. Inoltre “preleveremo molti più soldi dalle pensioni d’oro. Oltre al taglio in tre scaglioni, 20, 35 e 40 per cento, ci sarà il raffreddamento, cioé non adegueremo al tasso di inflazione le pensioni d’oro. E in questo modo contiamo di recuperare oltre un miliardo. Infine, ci sara’ la dismissione degli immobili, che venderemo non più a prezzo catastale ma a prezzo di mercato”.

Giovedì 13 dicembre – Manovra, trattativa a oltranza con la Commissione Ue. Tria: “Resterò qui fino all’accordo”. Il ministro dell’Economia Giovanni Tria a Bruxelles sta trattando con la Commissione Ue per scongiurare la procedura di infrazione e trovare un accordo sulla manovra. Tria ha dichiarato: “Domani avrò altri incontri, resterò finché non arriviamo a un accordo. Si sta lavorando sulla proposta italiana, che rimane quella consegnata ieri a Bruxelles”.

ore 14 – Tria e Moscovici a Bruxelles alle 14,45 – Il ministri dell’Economia, Giovanni Tria, vedrà il commissario Ue agli Affari economici, Pierre Moscovici questo pomeriggio alle 14,45 a palazzo Berlaymont nella sede della Commissione, per proseguire le trattative tra governo e Ue sulla manovra. Lo si apprende da fonti del Mef. 

ore 9.24 -Moscovici: “La riduzione del deficit proposta dall’Italia non è sufficiente” – La riduzione del deficit italiano “non è ancora sufficiente”. Lo ha dichiarato il Commissario europeo per gli Affari economici, Pierre Moscovici, commentando la proposta italiano di portare il deficit dal 2,4 al 2,04 per cento.

“È un passo nella giusta direzione, ma tuttavia non ci siamo ancora, ci sono altri passi da fare, forse da entrambe le parti”, ha affermato Moscovici in un’audizione al Senato francese.

Ieri il premier Conte aveva annunciato la volontà di abbassare il deficit al 2,04 per cento. L’Unione europea, nelle scorse settimane, aveva chiesto uno sforzo maggiore, con un abbassamento almeno all’1,9, ma possibilmente anche all’1,7 per cento.

La proposta del governo sembrava comunque aver messo al riparo l’Italia dalla procedura di infrazione, ma le dichiarazioni di Moscovici fanno capire che a Bruxelles la correzione proposta da Lega e M5s potrebbe non bastare.

ore 8.30 – Il governo richiama i militari dalle missioni estere: l’Italia si ritira dall’Iraq. La ministra della Difesa, Elisabetta Trenta, ha annunciato il ritiro della nostra missione di pace militare in Iraq e il richiamo di altri 100 soldati dall’Afghanistan. “Cambieremo tutte le missioni” ha spiegato in un’intervista al Corriere della Sera “ma rispetteremo gli impegni a livello internazionale”.

Campagna regione lazio

Mercoledì 12 dicembre – ore 18.50 – Manovra, Conte: “Deficit dal 2,4 al 2,04 per cento” – “Dal 2,4 siamo scesi al 2,04 e questo ci consente di portare avanti il negoziato con l’Ue. Abbiamo messo sul tavolo una proposta seria e siamo fiduciosi che si concluderà con una soluzione positiva per i cittadini italiani. Le misure entreranno in vigore entro quanto preannunciato, non ci saranno ritardi”, ha affermato il premier Conte a Bruxelles.

“Il dialogo è molto proficuo. Il deficit calerà e la crescita sarà superiore alle nostre aspettative”.

ore 18.40 – Manovra, Ue: “Buoni progressi incontro Juncker-Conte” – Il presidente della Commissione Ue, Jean Claude Juncker ha ascoltato “attentamente il primo ministro Conte e gli argomenti che ha presentato sulla manovra di bilancio. Buoni progressi sono stati fatti, la Commissione europea valuterà ora le proposte ricevute questo pomeriggio: i lavori continueranno nei prossimi giorni”. Questo il commento del portavoce della Commissione al termine dell’incontro tra Juncker e Conte a Bruxelles.

ore 16.55 – Decreto fiscale: il governo pone fiducia in Aula alla Camera – Il governo ha posto nell’Aula della Camera la questione di fiducia sul decreto fiscale legato alla manovra, il cui testo è già stato approvato dal Senato e non modificato a Montecitorio. L’annuncio è stato dato dal ministro per i Rapporti con il Parlamento, Riccardo Fraccaro.

ore 14.00 – Manovra, l’allarme da Palazzo Chigi: “Sarà durissima evitare la procedura di infrazione – Dopo aver annunciato che la decisione sui saldi “è stata messa nera su bianco” prima del Consiglio dei ministri e a poche ore dall’incontro del presidente del Consiglio Giuseppe Conte con il presidente della Commissione europea Jean Claude Juncker, cambia il clima nei corridoi di Palazzo Chigi. Le “buone motivazioni” di qualche ora fa hanno lasciato il posto alla consapevolezza che “sarà durissima evitare la procedura d’infrazione dell’Europa nei confronti dell’Italia”.

ore 13.45 – Manovra, Salvini: “Stufo del pregiudizio di certi commissari” – “Io sono ottimista per natura ma se mi dovessi rendere conto che contro di noi c’è un pregiudizio allora la musica cambia. Inizio a essere stufo di due pesi due misure e non si capisce perché si può sfondare da parte della Francia e per l’Italia si usa la lente di ingrandimento sullo zero, zero virgola”, ha detto il vicepremier Salvini, parlando della trattativa con l’Ue sulla manovra nella conferenza stampa conclusiva della sua visita a Gerusalemme.

ore 12.15 – Manovra, fonti Palazzo Chigi: “Decisione saldi messa nero su bianco”– La decisione sui saldi della manovra “è stata messa nero su bianco prima del Consiglio dei ministri. “Non anticipiamo nulla per rispetto a Jean Claude Juncker ma pensiamo che possiamo andare a Bruxelles con delle buone motivazioni. L’atmosfera tra i ministri è positiva”, hanno dichiarato fonti di Palazzo Chigi.

ore 10.50 – Salvini: “Complimenti da Netanyahu per lotta all’immigrazione illegale” – “Con Benjamin Netanyahu abbiamo parlato anche di lotta all’immigrazione illegale e ci ha fatto i complimenti per quello che abbiamo fatto”, ha dichiarato il ministro Salvini, in visita in Israele. “Abbiamo parlato di un’Europa diversa e del cambiamento dell’Europa me ne faccio carico”.

Il premier Benjamin Netanyahu, secondo quanto riportato dal portale locale Ynet, avrebbe anche chiesto a Salvini un maggior ruolo delle truppe italiane in Libano impiegato nella missione Unifil.

ore 08.15 –  Strasburgo, Salvini: “Arresto immediato per chi esulta in rete per l’attentato” – “Per quel che riguarda l’Italia – la mia testa e il mio cuore da ministro sono lì – questa mattina si riunisce d’urgenza il comitato di analisi e strategia: c’e’ situazione di massima attenzione da Nord a Sud per tutti i radicalizzati e i terroristi estremisti di ritorno, perché son stanco solo di pregare”. Lo ha detto il ministro dell’Interno Matteo Salvini, parlando coi giornalisti dopo l’attentato di Strasburgo al termine della sua visita alla Basilica del Santo Sepolcro a Gerusalemme.

“Occorre difendere il territorio e controllare i confini e l’arresto immediato anche di chi in queste ore sta esultando on line – ha aggiunto Salvini – Abbiamo una polizia postale fortunatamente all’avanguardia che sta setacciando la rete per cercare gli infami che festeggiano la morte di qualcun altro”.

“Rifletta in Europa chi parla di porte aperte e porti aperti: casa mia e il mondo sono aperti alle persone per bene; chi porta violenza e distruzione non deve avere nessun tipo di compassione e ospitalità”, ha proseguito il vicepremier.

“Siamo a disposizione delle forze francesi per qualunque scambio di informazioni e intervento possibile”.

Martedì 11 dicembre – ore 18.20 – Difesa: “Preoccupano le parole di Salvini su Hezbollah” – “Preoccupazione e imbarazzo” trapelano da fonti del ministero della Difesa e del comando italiano ad Unifil dopo il post pubblicato dal ministro dell’Interno Matteo Salvini, che ha definito Hezbollah come dei “terroristi islamici”.

“Non vogliamo alzare nessuna polemica, ma tali dichiarazioni mettono in evidente difficoltà i nostri uomini impegnati proprio a sud nella missione Unifil, lungo la blue line. Questo perché il nostro ruolo super partes, vicini a Israele e al popolo libanese, è sempre stato riconosciuto nell’area. Tra l’altro l’Onu la sua parte la sta già facendo, c’é una missione, si chiama Unifil, da oltre 12 anni, e il comando è oggi sotto la guida italiana per la quarta volta”.

ore 16.00 – Manovra, Di Maio: “Le regole valgono per tutti, anche per Francia” – “Guardiamo con attenzione alle misure annunciate ieri da Macron: secondo i nostri calcoli non si sposano con il deficit/Pil annunciato entro fine anno. La Francia dovrà per forza aumentare il deficit e si aprirà anche un caso Francia, se le regole valgono per tutti: ma noi non lo speriamo”, ha detto il vicepremier, Luigi Di Maio, parlando a margine del tavolo con le Pmi al Mise.

ore 15.55 – Salvini: “Chi vuole la pace sostiene la sicurezza d’Israele” – “Chi vuole la pace, sostiene il diritto all’esistenza ed alla sicurezza di Israele. Sono appena stato ai confini nord col Libano, dove i terroristi islamici di Hezbollah scavano tunnel e armano missili per attaccare il baluardo della democrazia in questa regione. Per combattere il terrorismo islamico e riportare pace e stabilità, per un rapporto sempre più stretto fra scuole, università ed imprese, per cooperare in ricerca scientifica e sanitaria, per rinsaldare collaborazione e amicizia fra popolo italiano e popolo israeliano: io ci sono. Aspettiamo che anche Onu ed Unione europea facciano la loro parte”. Questo il messaggio del ministro dell’Interno, Matteo Salvini, in visita in Israele.

ore 10.30 –  Conte: “I cittadini vogliono un’Europa più equa” – “Se populismo è ridurre lo iato fra popolo ed élite allora rivendichiamo di esser populisti. È urgente la necessità dei cittadini di avere istituzioni europee che diano più equità, lavoro, crescita e sicurezza. Sui migranti serve uno sforzo condiviso e un’azione comune”, ha detto il premier Conte, nel corso dell’informativa alla Camera in vista del Consiglio europeo del 13 e 14 dicembre.

“Occorre superare un rigorismo miope che pretende di combattere l’instabilità con misure che finiscono per favorirle”. “Questo consiglio europeo assume una valenza particolare dal punto di vista politico visto che si svolge 5 mesi prima delle elezioni del Parlamento europeo”. Tra i temi in discussione anche la Brexit.

“Guardiamo con profondo rispetto al dibattito democratico che si sta svolgendo a a Londra”, ha affermato il premier, “ma dobbiamo sottolineare l’esigenza che l’uscita dell’Inghilterra avvenga in maniera ordinata”.

ore 9.00 – Toninelli taglia fuori Autostrade dal “nuovo ponte” – “Autostrade non toccherà il Ponte Morandi e non parteciperà né alla demolizione né alla ricostruzione”. A pagare per la demolizione e la ricostruzione sarà Aspi”. Il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, a Radio 24, ha poi smentito “categoricamente” le voci di rimpasto nel Governo: “Sono una cosa simpatica che gira ormai da almeno tre mesi”, ha aggiunto. “Siamo impegnati sui contenuti” ha proseguito “e pensare alle poltrone è l’esatto opposto. Smentisco categoricamente, ma capisco che ci possa essere un dibattito di questo tipo per riempire qualche pagina di giornale”.

Lunedì 10 dicembre – ore 19.55 – Manovra, Dombrovskis: “Servono risultati, c’è poco tempo” – “Continuiamo a dialogare con l’Italia, ma questo dialogo deve essere bidirezionale e portare a dei risultati, il tempo è limitato”, ha detto il vicepresidente della Commissione Ue, Valdis Dombrovskis intervenendo in commissione Affari economici del Parlamento europeo e riferendosi alla manovra dell’Italia.

ore 16.40 – Salvini:” La Lega vuole Rinascimento europeo – “L’integrazione è possibile se i numeri lo permettono. Farò in modo che l’Italia non viva le scene che stanno vivendo i francesi. C’è una trattativa in corso con l’Ue, e la Lega sta cercando di dare vita a un ‘Rinascimento europeo’ e ridare vita a un sogno che si è spezzato. C’è qualcosa a Bruxelles che non funziona”. Queste le parole del vicepremier Matteo Salvini, parlando alla stampa estera a Roma.

ore 15.50 – Spray urticante, Salvini: “Chi ne abusa va arrestato” – “Se qualcuno abusa del mattarello o delle forbici, non è che posso proibire i mattarelli o le forbici: vanno puniti coloro che ne abusano. Lo spray ha salvato tante vite, chi ne abusa va arrestato. Anche se minorenne”, ha affermato il ministro Salvini.

ore 15.00 – Tav, Salvini lancia ipotesi referendum – “Aspettiamo il rapporto costi-benefici, ma visto che riguarda soprattutto torinesi e piemontesi, e gran parte della penisola italiana, se non si arrivasse a una decisione, chiedere ai cittadini cosa ne pensano, credo che possa essere una strada”, ha detto il ministro dell’interno, Matteo Salvini, che ha lanciato così l’ipotesi di un referendum.

“L’unica cosa che non può succedere è che si vada avanti ancora per settimane o per mesi a discutere”. Sulla Tav serve “una risposta nelle prossime settimane: i cantieri o si aprono o non si aprono. Se i tecnici ci dicessero ‘no’ o ‘forse’, si possono ascoltare i cittadini”, ha concluso Salvini.

ore 13.00 – Salvini: “Qui non vogliamo vedere immagini come quelle di Parigi” – “Spero che anche in Europa si rendano conto che stiamo lavorando per gli italiani e per un continente tranquillo. Le immagini di Parigi sono quelle che non vogliamo vedere in Italia e quindi vogliamo garantire crescita e pace sociale. Penso che la nostra sia una manovra che va in questa direzione. Ho sentito anche il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte – che sta portando avanti le negoziazioni – e stiamo lavorando bene”. Questo il commento del ministro dell’Interno e vicepremier Matteo Salvini, a margine di un pranzo con gli industriali lombardi a Milano, parlando della trattativa per la manovra economica con l’Europa.

ore 12.00 – Manovra, Di Maio: “Le proposte dell’Ue sono un tradimento degli italiani” – “Sia ben chiaro che le proposte dell’Ue che si leggono sui giornali presuppongono un tradimento degli italiani, io gli italiani non li tradisco. Se si vogliono trovare delle soluzioni di compromesso tra Italia e Ue bene, sono il primo a spingere in quella direzione”, ha dichiarato il vicepremier Luigi Di Maio durante un punto stampa al Mise.

“Il bilancio dello Stato è di centinaia di miliardi di euro e noi spendiamo 15 miliardi per mandare in pensione le persone e per trovare lavoro a giovani e meno giovani e tutti pensano a questi 15 miliardi invece che a tutti i soldi da tagliare e da rimodulare. Qui si sta chiedendo di rinunciare alle uniche due misure irrinunciabili”.

Sabato 9 dicembre – ore 15.48 – Manovra: Salvini, se Italia unita a Bruxelles saremmo una potenza – “Prima viene il Paese e poi la critica politica: ci si può dividere sulle leggi, ma se andassimo a Bruxelles a trattare uniti saremmo una potenza”. Lo ha detto il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, a In Mezz’ora in piu’, su Rai 3. “Spero ci rispettino come Paese, siamo un Paese fondatore”.

Sabato 8 dicembre – ore 16.20 – Salvini ad Ancona: “Chi ha sbagliato pagherà”  –“Non servono nuove leggi, ma la coscienza di rispettare quelle esistenti. Se non si tratta di una fatalità chi ha sbagliato e ha sei persone sulla coscienza dovrà pagarne tutte le conseguenze. Da padre e da ministro ho ritenuto di dover portare il mio sostegno alle famiglie”. Queste le parole del ministro dell’Interno, Matteo Salvini, che si è recato a Corinaldo dopo la tragedia nella discoteca in cui hanno perso la vita sei persone.”Ci sono indagini in corso, vedremo”.