Me

Open, tutto quello che c’è da sapere sul nuovo giornale online fondato da Enrico Mentana

Dalla redazione al direttore, dal giorno di inizio della start-up alla carriera del giornalista di La7 che ha reso possibile la nascita di una nuova realtà editoriale in Italia

Immagine di copertina

Open Mentana News | Giornale online | Enrico Mentana

Dopo 25 anni di brillante carriera, il giornalista e direttore del tg La7, Enrico Mentana, decide di restituire ai giovani giornalisti un po’ della sua fortuna. Come? Trasformandosi da giornalista a editore e fondando un nuovo giornale online: Open.

“Ho cominciato a fare il giornalista a 25 anni – spiega –  e ho avuto fortuna e grandi soddisfazioni. Sempre più spesso mi è capitato nell’ultimo decennio di incontrare gruppi di giovani, entusiasti e curiosi, come ero io alla loro età. Ma con la differenza fondamentale che loro il giornalismo lo potevano vedere solo da fuori”.

Da qui, la decisione di Mentana di provare a creare un giornale online in cui far lavorare solo giovani giornalisti, in un periodo per niente felice per la professione.

Dopo mesi di lavoro impiegati per selezionare i 24 redattori del sito, sbrigare le pratiche burocratiche e sviluppare il progetto editoriale, è il 12 dicembre la data fissata per l’avvio dei lavori della nuova redazione.

Open Mentana News | Cosa è | Storia

Il progetto Open inizia nel luglio 2018, quando il direttore del tg La7, Enrico Mentana, affida ai suoi canali social un annuncio inaspettato: l’intenzione di assumere alcuni giovani giornalisti, a cui troppo spesso le porte della professione giornalistica sono sbarrate, per avviare una nuova impresa editoriale.

Con lo stesso post, il giornalista fornisce una mail a cui chiunque volesse candidarsi per lavorare a Open può mandare curriculum e presentazione, con scadenza al 10 settembre 2018, fornendo qualche informazione in più sui requisiti richiesti.

Da allora, i canali Facebook e Instagram di Mentana diventano la fonte principale di notizie sullo stato dei lavori e vengono presi letteralmente di mira. Da volenterosi che vogliono candidarsi, curiosi e appassionati che vogliono più informazioni e gli immancabili hater, cui il direttore del tg La7 non lesina risposte taglienti.

Così, in circa cinque mesi, il nome di Open inizia a girare in tutta Italia, quasi totalmente grazie alla comunicazione sui social network. Alla mail indicata da Mentana arrivano oltre 15mila candidature a cui, promette l’ex direttore Tg5, risponde lui stesso individualmente.

> QUI COSA E’ E DI COSA PARLA OPEN

A settembre, Mentana informa – sempre sui social – di aver ufficialmente fondato la società editoriale del suo giornale online.

Nel tempo, dunque, rispondendo ai suoi follower Mentana spiega che il nuovo giornale è gratuito, ma soprattutto completamente mobile: i contenuti vengono prodotti, montati ed editati via smartphone. Tutti vengono poi pubblicati sul sito e su una app. I giornalisti di Open, oltre ad articoli e inchieste, producono anche dirette e podcast.

Ancora dalle risposte di Mentana ai fan si scopre che Open non ha una posta del cuore (come qualcuno invece chiedeva), ha una spiccata attenzione per il mondo del lavoro e per lo smascheramento delle bufale (il debunker David Puente fa parte della redazione).

L’obiettivo è riuscire a far stare in piedi il giornale con la sola pubblicità. L’investimento iniziale, di circa un milione di euro, è sostenuto proprio da Mentana, che è il garante economico e provvederà personalmente ad appianare eventuali perdite.

Nessuna finalità di lucro per Open: “In caso di guadagni – spiega ancora il giornalista – tutti saranno reinvestiti in nuove assunzioni”.

La raccolta pubblicitaria, spiega inoltre Mentana, viene sostenuta da una delle concessionarie di Urbano Cairo, editore di La7.

La filosofia del giornale è quella di offrire uno strumento accessibile a tutti: a coloro che seguono l’attualità, ma anche e soprattutto a chi “non ha ancora preso la buona abitudine di informarsi con continuità, e soprattutto per quelle nuove generazioni quasi sempre snobbate e ignorate dal sistema Italia”.

Open Mentana News | Direttore | Massimo Corcione

Nel suo Open, Mentana ricopre il ruolo di editore e non anche quello di direttore.

Il nome scelto da Mentana per questo ruolo è invece quello di Massimo Corcione, giornalista che è stato direttore di Sky Sport e prima vicedirettore del Tg5, quando Mentana era al timone dell’allora neonato telegiornale Mediaset.

Campagna regione lazio

Classe 1957, Corcione è originario di Torre Annunziata, in Campania. Nei primi anni di carriera, il giornalista prima collabora con La Gazzetta dello Sport, poi lavora in testate come Il Mattino di Napoli (dove diventa caposervizio della pagina di sport) e Il Giornale.

> QUI TUTTO SU MASSIMO CORCIONE, DIRETTORE DI OPEN

Nel 1995, dopo una brevissima parentesi in Rai, il passaggio al Tg5, dove conosce Mentana e diventa il suo vicedirettore. Dopo nove anni, l’approdo a Sky Sport. Negli studi di Rogoredo, Corcione diventa direttore di Sky Sport 24 e poi del sito Sky.it.

Nel 2017 lascia Sky, la cui direzione passa a Federico Ferri. Nel biennio 2016-2018, Corcione insegna giornalismo sportivo nella Scuola di giornalismo LUMSA di Roma.

Un’esperienza, quest’ultima, che troverà molto utile adesso che veste i panni di direttore-tutor dei giovani giornalisti di Open.

Open Mentana News | Redazione

Lunedì 3 dicembre 2018, sempre tramite un post sui suoi canali Facebook, Enrico Mentana presenta la redazione di Open.

I redattori scelti dal direttore del tg La7, quasi tutti giovani, sono 24: “Insieme a Massimo Corcione che li guiderà – scrive su Facebook Mentana – ecco i giovani di Open. Faranno benissimo, e se le cose andranno come spero saranno entro pochi mesi molti di più”.

> QUI TUTTO SULLA REDAZIONE DI OPEN

La redazione ha iniziato a lavorare sabato 1 dicembre. “Alcune inchieste sono già state impostate – annuncia Mentana – molti compiti affidati. La veste grafica è quasi pronta. La app del nuovo giornale online sarà presentata nei prossimi giorni qui”.

Open | La carriera di Mentana

Enrico Mentana è sicuramente uno dei giornalisti più famosi in Italia. Celebre volto del tg La7 (e prima del Tg5, di cui è stato uno dei fondatori), il cronista è famoso anche per le sue “maratone”, dirette fiume in concomitanza di eventi come elezioni politiche, grandi eventi o catastrofi naturali, capaci di durare anche un’intera notte.

Nato a Milano il 15 gennaio 1955, Mentana non consegue mai la laurea, nonostante l’iscrizione alla facoltà di Scienze politiche dell’università Statale di Milano.

Appassionato di giornalismo, fa le sue prime esperienze nella rivista Giovani di Sinistra, di cui diventa anche direttore.

> QUI TUTTO QUELLO CHE C’E’ DA SAPERE SU ENRICO MENTANA

Nel 1980 entra in Rai, dove inizia a lavorare alla redazione esteri del Tg1. Il suo esordio in video risale al 1981, quando lavora come inviato a Londra per il matrimonio del principe Carlo e Lady Diana.

Dopo 11 anni in Rai passa a Mediaset, dove concorre a fondare il Tg5, che va in onda per la prima volta il 13 gennaio 1992. A 37 anni Mentana è il direttore del Tg5.

Nel 2004 lascia la direzione del telegiornale per il ruolo di direttore editoriale di Mediaset. Nello stesso periodo inizia a condurre il programma Matrix.

Cinque anni dopo lascia definitivamente Mediaset per divergenze editoriali e approda a La7, di cui ancora oggi ricopre il ruolo di direttore del tg.