Me

Muore nella vasca da bagno folgorata dal suo cellulare in carica caduto in acqua

Irina Rybnikova, 15 anni, campionessa di arte marziale è stata ritrovata senza vita nel bagno di casa sua dai suoi familiari

Immagine di copertina
Irina Rybnikova

Probabilmente stava mandando un messaggio, si è distratta e il cellulare le è caduto nella vasca in cui stava facendo il bagno. Una disattenzione che è costata la vita alla giovanissima Irina Rybnikova, campionessa di arti marziali, morta folgorata nel bagno di casa sua. L’iPhone da cui stava chattando era, infatti, collegato alla corrente. Per la 15enne non c’è stato nulla da fare.

La tragedia è avvenuta lo scorso sabato 8 dicembre a Bratsk, città industriale siberiana. La giovane Irina è stata ritrovata riversa in acqua, senza vita, dai suoi familiari.

“Era una persona incredibile e la mia migliore amica. Voleva avere successo in ogni sport e avevamo in programma di trasferirci in un’altra città per studiare”, ha riferito in lacrime uno dei migliori amici di Irina. “Tutti l’amavano, lei era amichevole, gentile e molto bella. Irina aveva talento nelle arti marziali e partecipava regolarmente ai tornei”, ha aggiunto.

La giovane vittima, infatti, era una specialista di pancrazio, uno sport da combattimento, che consiste in un mix di lotta e pugilato. A ottobre 2018, Irina aveva vinto il campionato russo giovanile ed era stata già selezionata per entrare a far parte del team della nazionale del suo paese.

“Sognava di diventare una campionessa del mondo”, ha riferito un’amica. La sorella Tatiana, 25 anni, ha dichiarato al quotidiano Komsomolskaya Pravda che “ad agosto è diventata la madrina della mia piccola figlia. Lei l’adorava e la chiamava ‘tata’. E ora non è più con noi. I nostri cuori sono spezzati. È così vuoto ora senza di lei”.

E ancora: “Era una persona fantastica, la migliore e la più amata. Ha sempre sognato il successo nello sport. Stavamo pensando di trasferirci in un’altra città per studiare lì. Era socievole, gentile e bella”, ha aggiunto un’amica.

Dal dipartimento radio-elettronica della Irkutsk State University, il capo Yury Agrafonov ha afferto che l’acqua è un buon conduttore per la corrente, “ecco perché c’è stato un corto circuito quando il telefono è caduto in acqua. Se il telefono non fosse stato collegato all’impianto elettrico, la tragedia non sarebbe accaduta”.

Irina Rybnikova è stata ricordata anche dalla federazione sportiva russa: “Abbiamo preso la nostra campionessa, amica, compagna e studentessa Irina Rybnikova, 15 anni. Era una candidata per il Master of Sports in pankration. Riposa in pace”.